Colon Irritabile: Rimedi e Consigli

DIFENDI LA TUA SALUTE

Accedi al Corso Gratuito in 5 lezioni che ti svelerà:

  Il segreto più nascosto dalle multinazionali alimentari
  Tutta la verità sugli additivi alimentari
  I 3 errori più comuni sul mangiare sano e come non commetterli più!
Accedi con Facebook
Oppure inserisci qui la tua mail:

Colon Irritabile RimediLa sindrome del Colon Irritabile è un disturbo dell’apparato gastro-intestinale che viene definito spesso colite ( avremo colite solo quando c’è infiammazione, nel colon irritabile non sempre c’è infiammazione, spesso è un disturbo funzionale per esempio dato da una situazione di forte stress).

È una problematica molto diffusa ed in costante aumento, sono colpite principalmente le donne, tra i 25 ed i 45 anni, ma può insorgere anche in età infantile.

Non si sa bene da che cosa abbia origine, alcuni ricercatori ritengono ci sia un’alterazione dei nervi che controllano la sensibilità e la motilità dei muscoli intestinali, altri ritengono che gli ormoni svolgano un ruolo importane nell’insorgere di questi disturbi.

Fattori emozionali (in particolare ansia , stress, depressione, paura, ecc.. ) sono considerati la causa principale di questo disturbo, inoltre dieta alimentare (intolleranze o anche abusi alimentari ), farmaci, alterazione del PH, alterazione della flora batterica, possono indurre o aggravare questa patologia.

 

Colon Irritabile: Rimedi e Consigli

 

Caratteristiche della sindrome da Colon irritabile:

  • stipsi o diarrea (precipitosa, spesso si verifica dopo aver mangiato),o alternanza dei due sintomi
  • dolore addominale che spesso si attenua dopo la defecazione
  • muco nelle feci
  • gonfiore addominale
  • alitosi
  • flatulenza
  • palpitazioni
  • emicrania
  • nausea
  • stanchezza
  • difficoltà di concentrazione
  • ecc…

Consigli alimentari:

Da evitare:

  • Cibi industriali ricchi di conservanti e coloranti (scoprine di più sulle sofisticazioni alimentari)
  • latticini
  • sorbitolo
  • carni rosse
  • fritti
  • insaccati
  • caffè
  • cioccolato
  • farina bianca
  • zucchero
  • spezie molto forti
  • cibi grassi
  • alcolici
  • bevande gassate
  • ecc..

Tutti questi alimenti riscaldano l’intestino e sono da evitare o comunque da consumare con moderazione.

I legumi, pur così salutari, spesso recano fastidio, occorre consumarli in piccole quantità e passarli (per eliminare la cuticola esterna), vanno cotti con un pezzetto di alga kombu che li rende più digeribili. Le lenticchie rosse decorticate o i piselli spezzati essendo privi di cuticola sono ben tollerati.

Nei momenti acuti sono da evitare:

  • cavoli
  • cipolle cotte
  • cavoletti
  • uva
  • albicocche
  • frutta secca
  • banane
  • aceto
  • lievito di birra. 

Naturalmente questo elenco può variare di persona in persona.
Sempre nei momenti acuti sono da evitare i cereali integrali e sono da preferire quelli semintegrali.

Da evitare anche bevande fredde, cibi asciutti, freddi e mal masticati.

Una buona alimentazione consiste nel consumare:

  • cereali integrali
  • pesce
  • carne bianca
  • frutta
  • verdura
  • legumi
  • alimenti come tofu, tempeh
  • semi oleosi
  • ecc…

 È importante però ricordare che la dieta va sempre personalizzata.

 

Alcuni cibi che possono essere di aiuto:

  • succhi di carote e cavolo per il betacarotene e l’acido folico
  • peperoni e broccoli, se tollerati, per la Vit C che ripara i tessuti
  • germe di grano, per la Vit E
  • zenzero, ricco di zinco, carminativo e spasmolitico.
  • Tè bancha, per riequilibrare il Ph
  • Zuppa di miso: particolarmente indicata a chi ha problemi di diarrea , essendo ricca di enzimi, migliora la digestione e rinforza l’intestino.
  • Olio di lino, omega 3 che contrastano i processi infiammatori.
  • Crusca di avena o psillio per regolare la funzionalità intestinale e rimuovere le tossine.

 

Alcuni rimedi fitoterapici utili in caso di Colon Irritabile:

  • camomilla: per riequilibrare la flora batterica, per l’aziona spasmolitica, digestiva e carminativa.
     
  • Melissa: disturbi gastrici di origine psicosomatica, ansia, flatulenza, difficoltà digestive, spasmi, cefalee, insonnia .
     
  • Angelica: azione antispasmodica, contro gonfiore e fermentazione intestinale.
     
  • Malva: per disinfiammare e decongestionare le mucose.
     
  • Menta piperita: azione analgesica, antispasmodica e carminativa, anche per alitosi.
     
  • Tiglio in gemmoderivato: ansiolitico ed antispasmodico.
     
  • Mirtillo rosso: per regolare la funzionalità intestinale sia che ci sia diarrea sia che ci sia stipsi. Ottimo attività disinfettante a livello urinario ed intestinale. Ottima l’associazione con mirtillo rosso.
     
  • Clorofilla in gocce: per rivitalizzare la mucosa dell’intestino.
     
  • Aloe in succo.
     
  • Achillea,finocchio,aneto,melissa in tisana.
     
  • Magnesio, quando ci sono dolori addominali.
     
  • Fermenti lattici, in particolare ai cambi di stagione per riequilibrare la flora intestinale.


IMPORTANTE:
 Il problema del Colon Irritabile è qualcosa di complesso ed è necessario agire in modo sinergico per raggiungere un risultato soddisfacente, per farlo è necessario seguire un protocollo  che sia stato testato su diverse persone e abbia dato ottimi risultati:
questo protocollo esiste ed è alla portata di tutti, lo trovi cliccando qui: Colon irritabile: un protocollo efficace


P.s.

Se ti è piaciuto questo articolo condividilo su Facebook, Twitter o G+ ;-)

Nessun articolo correlato trovato

  14 comments for “Colon Irritabile: Rimedi e Consigli

  1. 9 ottobre 2012 at 17:59

    Consigli di cui dovrò tener conto assolutamente, perchè io sono tra coloro che soffrono di questo disturbo. Per me c’è anche il problema di risultare intollerante ( o poco tollerante..) a cibi come pasta, pane e pizza, che mi gonfiano facilmente lo stomaco creandomi problemi intestinali. Insomma, devo controllare molto l’alimentazione, se voglio evitare l’acuirsi di questi sintomi….

    • Amos B
      11 ottobre 2012 at 11:10

      Ciao Fabio, come sai bene l’alimentazione è estremamente importante, spero che i nostri consigli ti possano essere davvero utili :-)

  2. Francesco
    24 ottobre 2012 at 15:26

    Un grosso problema sono i lieviti industriali.
    Provate a bere una birra rossa!
    Secondo me non vi sono cibi che lo causano, o meglio, sono tutti gli additivi e conservanti in più nei cibi che danno irritazione!
    Nel mio caso, dopo assunzione di glutammato passata la fase ‘acuta’ di ibs, l’intestino resta irritato per circa 3-7gg e bevande come il caffè che normalmente non mi danno alcun effetto lassativo, in quel periodo hanno un effetto devastante!
    Inoltre, se dopo che ho l’intestino irritato assumo un antinfiammatorio (es ketoprofene e affini) la situazione migliora.

    • Amos B
      24 ottobre 2012 at 16:44

      Sì di certo i vari additivi alimentari hanno un ruolo importante in questa patologia sempre più diffusa!

  3. A
    19 luglio 2013 at 12:44

    Anch’io temo di avere questo disturbo, probabilmente a causa della pillola e della mia emotività. Non ho tutti i sintomi principali, però, quindi indagherò ;)
    Di sicuro solo sulla buona strada, perché ultimamente ho spontaneamente introdotto cambiamenti nella mia alimentazione (poca carne e preferibilmente bianca, semi di lino, noci, …) che vanno in quella direzione!

    • Amos B.
      19 luglio 2013 at 13:36

      Ciao, benvenuta su Miglioriamoci, troverai diversi articoli che ti potranno aiutare ;-)

  4. José
    23 luglio 2013 at 15:53

    Ciao,
    ho avuto colon irritabile per parecchi anni.
    Ho provato cambiare la mi alimentazione e ho anche presso per pochissimo tempo alcuni farmaci, ma tutto senza successo.
    Ho vissuto molto tempo della mia vita con questo problema, senza trovare la soluzione.
    Ma finalmente, la soluzione la ho trovata, e la ho trovata nella mia testa, non nel cibo. La causa del colon irritabile è puramente psicologica,
    al meno nel mio caso è stato cosi. Per cui non sono molto d’accordo con il fatto di dare tanta importanza alla alimentazione,
    per risolvere questa patologia. Non sono d’accordo con la terapia proposta da Marco Corti, perché se fosse stata applicata a me,
    non mi avrebbe risolto il problema. Certamente che migliorando la alimentazione, si può migliorare la condizione, ma bisogna andare
    alla causa, per trovare la cura. E la causa no è il cibo ma il nostri pensieri coscienti e incoscienti, la nostra autostima.
    Dobbiamo guardare la persona, e non un singolo sintomo. Siamo quello che mangiamo, ma non solo, siamo quello che pensiamo.
    La respirazione si, è molto importante, e in questo sono d’accordo con Marco Corti. Ma dobbiamo guardare la respirazione dal punto di vista
    bioenergetico e psicologico.
    Quindi il mio consiglio personale a quelli che hanno questo problema: Va bene se volete stare attenti a quello che mangiate per ridurre la infiammazione
    intestinale, e i parassiti. Pero se volete curare il problema definitivamente dovete guardare al vostro interiore, alla vostra mente.

    • Amos B.
      24 luglio 2013 at 09:00

      Ciao Josè, benvenuto su Miglioriamoci e grazie per aver condiviso la tua esperienza :-)

  5. 24 luglio 2013 at 11:24

    Salve Josè, la mente può influenzare moltissimo ciò che avviene nel nostro organismo, la psiconeuroendocrinoimmunologia si occupa proprio di questo, di come il nostro stato d’animo può far insorgere o peggiorare una sintomatologia. La sindrome del colon irritabile ,può avere come origine moltissime cause,ma sicuramente risente moltissimo del nostro stato d’animo,saluti.Anna

  6. Cristian
    22 ottobre 2013 at 21:06

    Ne soffro per colpa dello stress e si manifesta nel momenti meno opportuni come in aereo,lavoro, o forte e emozioni, purtroppo quando accade sono dolori e corse alla ricerca di un bagno. Se ho un appuntamento galante in io ad allarmare i non posso sicuro che questo porterà ai solito incovenienti…

  7. luca
    20 gennaio 2014 at 12:04

    salve.Io da lunedi scorso ho crampi forti al intestino in basso con fitte e brucciori a sinistra e bruciori quando faccio la pipi e non riesco ne a fare tanta aria ne ad andare in bagno,solo un po alla volta e mi e capitato di fare verde con muco marrone.Sono di natura molto ansioso e nervoso.Sono andato ieri alla guardia medica e mi ha dato buscopan e io sto gia prendendo carbone e fermenti lattici.Devo anche dire che se schiaccio la pancia a sinistra mi fa molto male e poi questi crampi a volte sono forti a volte meno forti.stasera vado dal mio medico e vediamo cosa dice.Ma secondo lei e la colite oppure puo essere qualcosa di piu grave?

  8. anna
    20 gennaio 2014 at 15:51

    Salve Luca, potrebbe trattarsi di colite, smetta di prendere il carbone che è astringente e non va preso quando ci sono difficoltà ad andare in bagno e assuma tisane di camomilla, anice,finocchio,cumino e melissa. Per alcuni giorni prenderei anche un preparato a base di mirtillo rosso e mannosio,per disinfettare le vie urinarie, Non so che fermenti sta prendendo,in questo caso servirebbero fermenti specifici ed anche per i dolori addominali ci sono prodotti molto validi,aspetto di sapere cosa le dirà il medico.Saluti.Anna

  9. Parsifal
    18 febbraio 2014 at 09:35

    Concordo con Anna, la fitoterapia è molto efficace per migliorare lo stato infiammatorio intestinale. Io ne soffro da una vita e ritengo responsabile del disturbo l’ANSIA. Dicono che sono un tipo ansioso, ma io non me ne sono mai accorto…A me il problema sorge appena alzato la mattina, con gonfiori e spasmi, appena dopo l’evacuazione, per calmarsi appena dopo pranzo. Mai sofferto di stipsi/diarrea, regolare tutti i giorni, ma mai un giorno con la pancia piatta…Dovrò rassegnarmi? Un saluto a tutti!

  10. ANNA
    18 febbraio 2014 at 11:15

    ciao Parsifal,rassegnarti no ,ma imparare a gestire l’ansia e lavorare sull’alimentazione sì,si possono avere buoni miglioramenti! saluti,Anna

SCRIVI qui il tuo commento! Non lo hai mai fatto? Un mio piccolo omaggio è pronto per te! lo riceverai sulla tua mail dopo aver inserito il tuo primo commento :-)

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *