Dossier forno a microonde fa male alla salute?

DIFENDI LA TUA SALUTE

Accedi al Corso Gratuito in 5 lezioni che ti svelerà:

  Il segreto più nascosto dalle multinazionali alimentari
  Tutta la verità sugli additivi alimentari
  I 3 errori più comuni sul mangiare sano e come non commetterli più!
Accedi con Facebook
Oppure inserisci qui la tua mail:

Forno a microonde fa male alla salute!L’invenzione del forno a microonde sembra risalire alla seconda guerra mondiale per agevolare la cottura degli alimenti per i soldati tedeschi. Dopo la guerra questa tecnologia è stata poi importata in America e nel 1952 è stato messo in commercio il primo forno a microonde. Da quel momento questo tipo di forno si è diffuso in tutto il mondo senza che venissero prima fatti adeguati studi su ciò che poteva provocare negli alimenti.

 

Forno a microonde fa male alla salute?

Il forno a microonde funziona grazie a un dispositivo chiamato Magnetron  il quale fa oscillare un fascio elettronico ad una frequenza molto alta, producendo così una radiazione di microonde (MW) che costringe le molecole d’acqua all’interno dell’alimento ad allinearsi molto velocemente e ad oscillare intorno al proprio asse: è questa notevole frizione tra le molecole che produce calore e riscalda quindi la pietanza.

Il forno a microonde è molto diffuso in quanto ha il grande vantaggio, rispetto a un forno tradizionale, di riscaldare in pochissimo tempo gli alimenti.

Il suo uso è diventato così normale che ormai pochi si pongono il problema se faccia male alla salute mangiare alimenti cotti in quel modo.


L’idea comune come sempre è:


Lo usano tutti e nessuno è mai morto dopo aver mangiato qualcosa di cotto con il forno a microonde… E poi se fosse davvero pericoloso si verrebbe a sapere…

Certo nessuno è mai morto dopo aver mangiato un alimento riscaldato a microonde, ma questo non significa che il ripetuto contatto con alimenti così trattati non possa avere conseguenze sulla salute a lungo termine!

Anche il forno a microonde è un grande business e, fino a quando sarà possibile, coloro che ne parlano male denunciandone i pericoli verranno messi a tacere o ridicolizzati.

Questo è proprio quello che è successo al Dott Hertel medico nutrizionista svizzero che ha svolto interessanti ricerche in merito all’uso e agli effetti del forno a microonde, ricerche però che sono state duramente attaccate e messe a tacere dall’industria e dai suoi esperti.

Il dott Hertel ha riunito un gruppo di persone che seguivano tutte la stessa dieta macrobiotica con una età compresa tra i venti e i quarant’anni e per due mesi è stato con queste persone all’interno di un hotel fornendo loro in modo controllato alimenti cucinati nel modo tradizionale e gli stessi alimenti passati a microonde.
Il gruppo di persone veniva sottoposto a questo tipo di alimentazione ogni 5 giorni e veniva monitorato ogni cambiamento nel sangue a seguito dell’assunzione di uno a l’altro alimento.

Hertel ha così potuto fare queste constatazioni:

L’uso del forno a microonde provoca:

  • Diminuizione a breve termine dei Linfociti (globuli bianchi) subito dopo l’assunzione di cibo riscaldato a microonde
  • Alterazione dei meccanismi naturali di riparazione delle cellule
  • Forte calo dei valori degli eritrociti, dell’emoglobina degli ematrociti e leucociti, valori che diventavano simili a quelli di chi soffre di anemia! In corrispondenza di questo calo si ha un aumento dei livelli di colesterolo.
  • Alterazione della permeabilità della membrana cellulare che diventa facile preda di batteri, funghi e altri microorganismi
Ma Hertel non è il solo ad aver studiato gli effetti del forno a microonde, studi russi hanno raggiunto queste conclusioni:
La carne scaldata in un forno a microonde provoca:
  • d-nitrosoditanolamine (un agente ben conosciuto fra le cause del cancro);
  • destabilizzazione dei composti biomolecolari della proteina attiva;
Altri effetti delle microonde:
  • origine di agenti che causano il cancro nelle proteine-idrolizzate del latte e dei cereali.
  • Le microonde alterano il comportamento catabolico degli alcaloidi delle piante se la verdura surgelata, cruda o cotta viene esposta anche per tempi molto brevi.
  • I radicali liberi che causano il cancro si formano in alcune strutture molecolari con minerali in traccia nelle sostanze vegetali, specialmente nei tuberi crudi.
  • Ingerire cibi trattati a microonde innalza la percentuale di cellule cancerogene nel sangue.
  • A causa delle alterazioni chimiche nelle sostanze alimentari, nascono delle disfunzioni nel sistema linfatico che causano una degenerazione della capacità del sistema immunitario di autodifesa contro la crescita del cancro.
  • Il catabolismo instabile dei cibi trattati a microonde altera le loro sostanze elementali, e ciò provocava disturbi della digestione.
  • Coloro che avevano mangiato cibi trattati a microonde mostrarono un incidenza statisticamente maggiore di tumori allo stomaco e all’intestino, oltre a una degenerazione generale dei tessuti cellulari periferici ed una graduale perdita delle funzioni digestive e escretorie;
  • L’esposizione alle microonde causa una diminuzione significativa dei valori nutrizionali di tutti i cibi studiati, in particolare:

    • Una diminuzione della biodisponibilità delle vitamine del complesso B, della Vitamina C, vitamina E dei minerali essenziali e lipotropi;
    • Distruzione del valore nutrizionali delle nucleoproteine della carne;
    • Diminuzione dell’attività metabolica degli alcaloidi, glucosidi, galattosidi e netrilosidi (tutte sostanze base delle piante presenti nella frutta e nella verdura);


Altre ricerche suggeriscono di assolutamente non riscaldare il latte nel forno a microonde, soprattutto quello destinato ai bambini e neonati, le microonde ne alterano la struttura rendendolo meno efficace (da un punto di vista nutrizionale) e potenzialmente tossico!

 

forno a microonde fa male alla salute?

La ricerca recente dimostra che tutti i cibi passati al microonde subiscono gravi danni molecolari.
Ingeriti, provocano modificazioni anomale nel sangue e del sistema immunitario!

Tutto quanto elencato finora dovrebbe fare riflettere bene sul continuare ad utilizzare o meno il forno a microonde:
per chi non avesse capito bene il messaggio il suo uso può provocare il cancro!

 

DIFENDI LA TUA SALUTE


"Scopri l'amara verità sul cibo che mangi ogni giorno"

Ecco come riconoscere il cibo sano e non cadere nelle trappole tese dalle multinazionali alimentari


Accedi con Facebook
Oppure inserisci la tua email per accedere gratuitamente al mio corso privato in 5 lezioni!


 

 

Un esperimento 

Naturalmente come per tutti i casi in cui entrano in gioco dei grandi interessi economici è possibile trovare pubblicazioni che smentiscono tutto quanto scritto in questa pagina.
Per questo ti propongo un esperimento che puoi realizzare a casa tua, in quanto la cosa migliore è sempre toccare con mano:

Prendi due vasetti di terra e pianta un seme della stessa pianta in ognuno di essi. Innaffia poi il primo con acqua del rubinetto (meglio se depurata) e il secondo con acqua passata al microonde… Ti stupirai nel vedere che il secondo seme non germoglia!

Questo dovrebbe davvero farti pensare!

Gli alimenti passati a microonde cambiano la loro struttura interna, vengono privati della loro energia, diventano un alimento morto, e un alimento morto non può promuovere la vita..

Fatti un favore, fai un favore ai tuoi figli, fai un favore a tutti coloro che mangeranno con te nella tua cucina: butta il forno a microonde! 

Il forno a microonde fa male alla salute? La risposta sembra proprio essere un convinto Sì!

 

P.s.

Se questo articolo ti è piaciuto clicca qui sotto per condividerlo su Facebook o Twitter!

 

 

  54 comments for “Dossier forno a microonde fa male alla salute?

  1. 22 marzo 2012 at 17:59

    Ti piace la bistecca alla brace?
    Bene, però non la puoi mangiare perché la cottura alla brace provoca la bruciatura dello strato superficiale della carne che diventa cancerogeno. Inoltre la carne che mangiano milioni di persone è trattata con ormoni per favorire la crescita e che hanno un effetto sul nostro organismo (per esempio le bambine sviluppano prima del tempo). Insomma di buoni motivi ne troviamo a migliaia per non fare questo o quello ma alla fine dobbiamo pur vivere e quindi dobbiamo prendere con le opportune cautele tutte le informazioni a favore e contrarie che ci arrivano da tutte le parti. Insomma non sarei così netta nel giudizio espresso verso i forni a microonde.
    Sara

    • Amos B.
      22 marzo 2012 at 19:32

      Ciao Sara, innanzitutto benvenuta su miglioriamoci.

      La riflessione che proponi è qualcosa che affermano in molti, della serie di qualcosa bisogna pur morire…

      Quello che dici sulla carne è verissimo e ne ho parlato un poco in questo articolo  http://www.miglioriamoci.net/carne-bianca-migliore-o-no/

      Vedi la mia idea è questa: ogni cosa che facciamo che fa male alla salute è come una piccola goccia in una vasca che scende incessantemente, quando la vasca è piena straborda e nascono problemi che sembrano impossibili da risolvere, problemi che sembrava impossibile che quella piccola goccia potesse  causare…

      Ora nel mondo moderno queste gocce sono diventate davvero tante e si fa davvero presto a riempire la vasca!

      Per questo è importante conoscere queste gocce ed eliminare tutte quelle che è possibile eliminare, questo perchè non tutte le gocce sono eliminabili, ci sono cose che fanno male alla nostra salute sulle quali non abbiamo potere, come l’inquinamento, i vaccini che abbiamo ricevuto, il caos elettromagnetico etc.

      È importante prendere coscienza dei pericoli e trattarli come tali, poi non è necessario eliminare ogni cosa, ma solo in questo modo si può fare una scelta consapevole e responsabile

      C’è molta differenza tra dire “tanto sono tante le cose che fanno male che una più o una meno non fa la differenza”, senza valutare il grado di pericolo, senza voler vedere il pericolo e invece valutare con mente aperta il pericolo e rendersi conto che sono davvero tanti e che qualcosa  bisogna cambiarlo se non si vuole collassare, se non si vuole vedere quella vasca riempita prima del tempo che ti aspettavi…

      Viviamo in una società in cui sembra che le cose brutte che succedono alle persone siano dovute alla sfortuna, all’inevitabilità, è importante rendersi conto che nella maggioranza dei casi non è così, molti problemi possono essere evitati se fermiamo alcune di quelle gocce che entrano nella vasca continuamente!

      Il cinismo non porta da nessuna parte, è utile per rimanere ancorati alla propria zona confortevole, per evitare di cambiare le abitudini.

      Sì dobbiamo pur vivere, e si può vivere bene o vivere male, per molte persone rinunciare al forno a microonde o alla bistecca piena di ormoni è vivere male, io sono dell’avviso che nel momento in cui cresce la propria consapevolezza verso questi problemi a tutto tondo risulta chiaro e limpido che vivere bene è tutt’altra cosa e non utilizzare il forno a microonde e non consumare la carne piena di ormoni non è più una rinuncia, non è più un problema, un peso, diventa la cosa più naturale del mondo: semplicemente non vuoi più usarlo, in quel piatto non vedi più una bistecca ma vedi quello che è veramente: un mucchio di sostanze tossiche: lo mangeresti un evidente mucchio di sostanze tossiche?

      Tutto sta nel rendersi davvero conto della situazione e della possibilità che abbiamo di cambiarla a nostro vantaggio…

      Questi discorsi che proponi restano in piedi perchè i danni che ne derivano dall’utilizzo del microonde o dal consumo di determinati alimenti etc. sono danni che si mostrano nel tempo, non immediatamente e la maggioranza delle persone non riesce a vedere la cosa come evidente, non coglie in modo evidente la correlazione tra quello che sta mangiando oggi e la malattia che gli verrà tra 5 o dieci anni…

      Attenzione io non voglio fare un discorso pessimistico, anzi, il messaggio che voglio dare è un messaggio di speranza: cambiare le cose è possibile e a volte basta davvero poco come smettere di utilizzare un forno a microonde…

      Non siamo in balia degli eventi, noi siamo i fautori della nostra vita, noi abbiamo il diritto e il dovere di prenderci la responsabilità del nostro corpo e agire di conseguenza, tutto ciò può trasformare la nostra vita, migliorandola sotto tutti gli aspetti!

       

      • walter binelli
        23 marzo 2012 at 22:52

        ricordo a tutti i catastrofisti che nonostante i forni a microonde e “diavolerie” simili, nel mondo industrializzato in cento anni l’aspettativa di vita media è raddoppiata, mentre nel resto del mondo è forse triplicata.
        è un prezzo che si può pagare, penso.

        • Amos B.
          24 marzo 2012 at 08:52

          Ciao Walter e benvenuto su miglioriamoci!

          Qui non si vuole fare i catastrofisti, semplicemente si vuole mettere in evidenza tutto ciò che può portare a problemi, come ho spiegato nei commenti precedenti si vogliono evidenziare tutte le gocce che contribuiscono a riempire la vasca…

          Per quel che riguarda l’aspettativa di vita ti invito se vuoi a leggere quest’altro articolo http://www.miglioriamoci.net/aspettativa-di-vita-e-salute/  dove sono riportate le statistiche che hai citato m anche delle altre importanti statistiche che non vengono molto considerate di solito…

          Un caro saluto

      • disinformato
        17 settembre 2013 at 00:15

        penso che dipende da come si usa il microonde:

        per preparare il biberon a un neonato:

        scaldare l’acqua a 800 watt per 15 secondi circa fino a raggiungere i 35-40°C, dopo di che aggiungere il latte in polvere, mescolare

        fare la stessa operazione con un pentolino sul gas, penso che le molecole d’acqua non vengano alterate da rendere il latte “cattivo”

        • Amos B.
          17 settembre 2013 at 08:27

          Ciao,quello che dici è condivisibile, utilizzare un mezzo, anche se potenzialmente pericoloso, in modo corretto e senza abusarne ne limita di certo la pericolosità.

          Come sottolineo sempre è una questione di consapevolezza: quando sai cosa potrebbe comportare l’uso del microonde agisci di conseguenza, ognuno secondo la propria mentalità, ognuno in piena responsabilità.
          Ci sarà chi decide di tagliare la testa al toro eliminando completamente il mezzo e chi invece preferirà continuare ad utilizzarlo, in modo però molto più oculato…

  2. 4 aprile 2012 at 11:56

    Non credo che l’aspettativa di vita pur se raddoppiata, sia necessariamente migliorata.

    Prima forse si campava meno ma quante patologie erano pressochè sconosciute: obesità, ipertensione, allergie a tutto e a tutte le età, diabete, ecc.

    Prima lo stile di vita era tutto sommato giusto: si andava a piedi, si salivano le scale, il lavoro impegnava fisicamente, ecc. L’anello debole era l’alimentazione, piuttosto scarsa e poco variata.

    Abbiamo risolto tanti guai ma tutto sommato si può affermare che oggi di benessere, si muore.

    • Amos B.
      4 aprile 2012 at 14:21

      Ciao Daniele, hai centrato il punto! L’aspettativa di vita è si aumentata ma la qualità della vita tende a peggiorare ( qui un articolo con le statistiche ufficiali http://www.miglioriamoci.net/aspettativa-di-vita-e-salute/ )

      Di benessere si muore, di disinformazione si muore, per il mero guadagno di pochi si muore…

      Per questo è importante aprire gli occhi e iniziare a difendersi in tutti i modi possibili!

  3. Enrico
    7 aprile 2012 at 13:13

    Ciao a tutti,
    ciao Amos
    e grazie per l’email inviatami sul mio indirizzo email.
    Passo, oltre che per ringraziare, anche per piantare un piccolo seme nella vostra terra(che poi voi valuterete se è il caso di innaffiare con acqua normale o riscaldata nel forno a microonde…):informatevi su “le 5 leggi biologiche” scoperte dal Dr.Hamer (chiamata anche “Nuova Medicina Germanica”, che di “medicina” ha ben poco ed ammetto che il nome non piaceva neanche a me all’inizio). E’ tutto molto semplice, basta solo modellare lo scetticismo ed iniziare a studiare un po’ di più se stessi. Tutto il resto verrà da sé…
    Buon proseguimento ed un abbraccio a tutti

    • Amos B.
      7 aprile 2012 at 14:40

      Ciao Enrico, conosco l’esistenza delle 5 leggi del dottor Hamer ma ancora non le ho approfondite, colgo al volo il tuo suggerimento e mi riprometto di farlo :-)

      Un abbraccio a te!

       

  4. 27 aprile 2012 at 15:29

    1- Perché la prova dei due semi nei vasi sia corretta occorre in entrambi i casi bollire l’acqua del rubinetto da usare per innaffiare, l’uno con metodi tradizionali e l’altro col microonde. 2- La cottura tradizionare delle carni usa olio o peggio burro o peggio margarina che appena fumano diventano tossici mentre al microonde cuocio direttamente dal congelato così com’è, poi aggiungo olio crudo in tavola ed inoltre non dò tempo ai batteri di “riaversi” e di riprodursi durante il tradizionale tempo di scongelamento all’aria. 3- I vegetali li mangio freschi finché posso sennò uso la pentola a pressione. L’effetto molecolare del riscaldamento al microonde è lo stesso della fiamma e sono decenni che uso il microonde perché ogni tipo di cottura danneggia comunque i nutritivi poi perché è meglio cuocere senza grassi.

    • Amos B.
      28 aprile 2012 at 19:14

      Ciao Fabio, la tua prima osservazione è condivisibile, è necessario provare l’esperimento nel modo che suggerisci.

      Per quello che riguarda i grassi io sono dell’idea che sia molto meglio utilizzare un cucchiaio di olio extra vergine di oliva piuttosto che passare gli alimenti nel forno a microonde…

      La fiamma non ha lo stesso effetto a livello molecolare del forno a microonde, la fiamma cuoce dal’esterno verso l’interno, il microonde dall’interno verso l’esterno…

      Ogni tipo di cottura va a diminuire i nutrienti presenti nell’alimento, ma non ogni tipo di cottura trasforma gli alimenti a livello molecolare…

      Io non sono certo uno scienziato e quindi posso benissimo avere torto sull’argomento, tuttavia il mio consiglio rimane quello di non utilizzare il microonde, in quanto non è un tipo di cottura previsto in natura…

  5. Fabio
    29 aprile 2012 at 12:11

    Certo della cordialità reciproca polemizzo ancora un pò dicendo che neanche qualsiasi cottura è “prevista in natura”. Il punto è che scienza e tecnologia sono espressione dello Spirito umano senza pari in natura e secondo me andrebbero amati; viceversa la giusta diffidenza va usata allorquando gli interessi di profitto economico esagerano l’arti-ficio con evidente danno alla natura umana ed in genere. Dissero: tu uomo (che vuoi fare di testa tua) allora lavorerai col sudore della fronte…invece con la scienza stiamo alleggerendo questa “punizione”. Insomma propongo: + scienza (provata)- fedi (irrazionali)e senza dimenticare che anche la filosofia è scienza. <3

    • Amos B.
      30 aprile 2012 at 12:18

      Ciao Fabio, concordo sulla cordialità :-)

      e concordo anche sul fatto che nessuna cottura è prevista in natura… In natura è però presente il fuoco che scalda, brucia, cuoce… Come dici giustamente tu la scienza e la tecnologia ci hanno liberato da un sacco di problemi , rendendoci la vita più facile.

      Sono però dell’idea  che sia necessario e importante avere la capacità di discernere quando la tecnologia è buona e quando è cattiva: la scienza moderna ancora non ha ben capito il funzionamento del corpo umano, tantissimi punti rimangono oscuri, per questo sono del parere che tutto ciò che va a influire con il nostro organismo debba essere il più naturale possibile. La scienza di oggi non può affermare con certezza che il forno a microonde sia innocuo, il nostro corpo è molto più complesso di quello che crediamo!

      Sono d’accordo in parte sul discorso più scienza meno fedi, in quanto spesso la scienza dimostrata può al contempo essere scienza manipolata, e per verificarlo davvero bisognerebbe potere ripetere gli esperimenti in prima persona e molto spesso questo non è possibile!

      Dal momento che, mi sembra di capire, utilizzi spesso il forno a microonde ti invito a provare ad eseguire il test che propongo nell’articolo per aggiungere un’altro po di carne al fuoco ;-)

      • Bax
        2 maggio 2012 at 11:33

        Il discorso su cosa è naturale e cosa artificiale è molto più complesso e non si può ridurre al forno a microonde. Nemmeno lo studio di cosa è sano e cosa non lo è non si può ridurlo al tipo di cottura. Potrei in modo estremamente radicale sostenere ad esempio che il pane o il latte non sono alimenti naturali. Direte che sono fuori di testa e invece esistono studi autorevoli che dimostrano che questi due tipi di alimenti comunissimi sono tra le principali cause di intolleranze e malattie di vario genere. Informatevi sull’alimentazione basata sul gruppo sanguigno. Il nostro gruppo sanguigno ha subito un’evoluzione molto lenta nel corso dei secoli. Si dice che il gruppo O sia quello meno evoluto e che non si sia ancora adeguato a quell’era di passaggio di quando l’uomo da predatore è diventato agricoltore o allevatore. Inoltre l’uomo è l’unico essere che si nutre comunemente durante tutto il corso della sua vita del latte di essere di un altra specie. Il nostro sistema immunitario molto spesso non tollera queste forzature.

        • Amos B.
          2 maggio 2012 at 12:28

          Ciao Bax, benvenuto su miglioriamoci :-)

          Giustissima la tua osservazione, il discorso su cosa è naturale e cosa è artificiale non si può certo relegare all’uso o meno del microonde…

          Purtroppo però parlare di tutte le cose insieme risulta essere impossibile all’interno di un articolo… Ogni articolo tratta un argomento a se stante, è compito poi del lettore unire tutti i puntini e farsi una idea completa…

          Tutto quanto hai detto sul pane e  sul latte è vero, tra l’altro c’è pane e pane, c’è anche latte e latte ma in genere quest’ultimo è un alimentop che non si associa bene alla dieta umana e andrebbe in genere evitato…

          Questi sono argomenti molto importanti e non si possono trattare in modo esaustivo in due commenti, ed è impossibile trattarli tutti assieme in un solo articolo.

          Sono completamente d’accordo con te che per ottenere dei risultati è necessario utilizzare una visione globale delle cose e dei problemi in modo da poterli affrontare in modo efficace, questa però è una cosa che deve fare ognuno di noi, sommando assieme tutti i pezzi di informazione che trova… Farlo in un solo articolo è quasi impossibile…

          Ti auguro un’ottima giornata :-)

  6. Platon
    10 maggio 2012 at 12:29

    Amos, sei un vero pioniere della salute. Purtroppo la gente oggi è molto ignorante e disinformata. Nonostante tu potresti benissimo starti da parte e fare gli affari tuoi tu lotti con tutte le tue forze ad aprire gli occhi alla gente. Sei un vero altruista. Una persona consapevole e molto intelligente. Complimenti per il tuo sito. La gente non sa (in Russia ci sono già parecchi libri sul argomento) che tutte le schiffezze che si mettono negli alimenti insieme a tutte le altre cose dannose per la salute sono permesse (pensate) a posta per diminuire la popolazione della terra che è diventata troppa. Diversi studi dimostrano che negli alimenti industriali si mettono delle sostanze volte ad “ucidere” silenziosamente la gente. Quelli che credono che il governo li protegge in realtà vengono “sacrifficati”. Nella giungla sopravvivono solo i più forti nella civiltà solo i più consapevoli. In questa società gli scettici e gli ignoranti pagano con il prezzo più alto che non è la loro salute (questo purtroppo lo pagano le persone consapevole: inquinamento ambientale, inquinamento elettromagnetico ect.) ma la loro VITA.

    • Amos B.
      10 maggio 2012 at 14:02

      Ciao Platon, benvenuto su Miglioriamoci e grazie davvero per il tuo apprezzamento :-) e per il contributo!

  7. katiuscia
    11 maggio 2012 at 01:47

    Voglio farti i complimenti perchè sei una persona tenace, che non molla, che a tutti i costi vuole fare in modo che la gente sappia. sì, io ho sempre avuto un po’ di reticenza ad usare il microonde, ce l’ho da 19 anni, ma mi hanno sempre convinto che è assolutamente innoquo. Leggendo le tue informazioni ho deciso che non lo userò più e cercherò di non farlo usare neanche a mio figlio, sposato con un bambinopiccolo, che scalda il biberon al micro… pensa che io scaldo tutte le mattine il latte per me, non cuocio, riscaldo soltanto, ma mi pare di capire che non c’è differenza. Sì, è meglio usare il fornello al gas. Ciao e grazie ancora -

    • Amos B.
      11 maggio 2012 at 08:35

      Ciao Katiuscia, grazie per i complimenti!

      Credo che riscaldare il latte per un bambino piccolo nel forno a microonde sia davvero deleterio, si è appena affacciato alla vita, è il momento di fornirgli alimenti vivi e non morti!

      Sì, come dici tu, meglio usare il fornello a gas ;-)

  8. davide
    18 settembre 2012 at 20:05

    non tolgo che quello scritto sia vero però dovrei dire che per esempio mio nonno che da quando aveva 40 anni lo ha usato sempre tutti i giorni e si che è morto a 100 anni usandolo tutti i giorni per tutto!

    • Amos B
      19 settembre 2012 at 09:16

      Ciao Davide, benvenuto su Miglioriamoci :-)

      Il microonde è una delle tante gocce all’interno del vaso, quando il vaso è pieno basta una sola goccia per provocare problemi… Evidentemente tuo nonno non aveva fatto cadere nel vaso tante altre gocce che invece oggi lasciamo cadere in grande quantità, vedi per esempio tutte le sofisticazioni presenti negli alimenti, che tuo nonno per buona parte della vita non ha visto nemmeno da lontano ;-)

  9. Roberto
    21 settembre 2012 at 23:35

    Dubbi già scaturivano anni e anni fa al ‘nascere’ del microonde, ma riusciremo a farne a meno abituati dalla velocità e praticità?

  10. federyco
    22 novembre 2012 at 18:14

    il microonde lo buttato tanti anni fa sotto il consiglio di un mio amico ricercatore che lavora al policlinico di napoli

    • 22 novembre 2012 at 18:15

      Ciao Federico, benvenuto su Miglioriamoci :-)

  11. Nevila
    6 dicembre 2012 at 11:44

    Stavo giusto per comprarmi un microonde !!! Non ne ho mai avuto una e sono contenta di aver fatto questa ricerca per informarmi prima di comprarlo . Ho due bambini piccoli e sto molto attenta alla loro alimentazione . La sana alimentazione al giorno d’oggi è impossibile siccome anche la frutta e verdura sono contaminate però faccio quello che posso per evitare cio che si puo ! Grazie mille per questo articolo , mi ha fatto cambiare idea sulla mia intenzione di comprare un microonde .

    • 6 dicembre 2012 at 12:07

      Ciao Nevila, benvenuta su Miglioriamoci!

      Sono contento di aver contribuito alla tua scelta :-)

  12. michela
    2 gennaio 2013 at 19:15

    Ciao a tutti, sono arrivata in questo sito perche cercavo ricette per il forno a microonde che ho appena comprato e mi è venuto il panico a leggere tuto questo. Vorrei precisare che: la carne fa male, le verdure cucinate perdono qualunque cosa di buono che contengono, le fritture fanno male, l inquinamento fa male, la vita sedentaria fa male, parlare al telefonino fa male, bere latte di mucca fa male, i gatti portano la toxoplasmosi, i cani hanno le zecche, le uova la salmonella….potrei continuare per ore e quindi per evitare rischi di ogni tipo dovremmo mangiare verdure piantate da noi in giardino, annaffiate con acqua minerale, non cucinate, dovremmo fare molta attivita fisica e stare lontano da inquinamento e animali….credo che abusare in genere faccia male, per cui penso che alternare la cottura nel forno a microonde con quella normale, che bere centrifugati di verdure alternati a un bel piatto di lasagne sia la soluzione. :-) vivo in africa da 7 anni e vi posso assicurare che ho visto gente morire di cancro e di ogni altro tipo di assurdita e di certo non avevano ne microonde ne inquinamento ne cellulari.

  13. Antonio
    4 gennaio 2013 at 15:07

    Salve sono diventato nonno di due gemelline da pochi mesi e non vi nascondo che per Natale oltre ai vari regali che si fanno ai neonati, ho messo sotto il loro albero di Natale un forno a microonde,
    ovviamente per farlo utilizzare dai genitori per riscaldare pappine varie e latte nel biberon.
    Sinceramente non so quali danni potrebbe provovare alle bimbe alimentandole con cibi cotti o scaldati al microonde, ma leggendo tutti questi commenti mi stanno venendo dei dubbi se utilizzare ancora questo tipo di forno. Da sei anni in casa mia si utilizza il microonde e sinceramente ho apprezzato la praticità e la velocità nel cuocere sopratutto le verdure e scaldare latte e tisane varie. Dunque sarebbe giunta l’ora di buttar via un oggetto così utile?
    Grazie

    • 4 gennaio 2013 at 17:41

      Salve Antonio, benvenuto su Miglioriamoci :-)

      La tecnologia introduce spesso innovazioni con due facce: da un lato si tratta di cose comode, pratiche, alle quali si fa presto ad abituarsi… Dall’altro lato nascondono gravi problemi per la nostra salute…

      Il brutto è che spesso il collegamento non è così immediato e facile da effettuare.

      È possibile trovare decine di scienziati che affermano che il microonde è qualcosa di completamente innoquo, ma allo stesso tempo è possibile trovarne altrettanti che sostengono il contrario…

      In questi casi applicare il principio di precauzione è di certo una scelta saggia, anche considerando che si tratta di un qualcosa di non così fondamentale.

      Quindi, per me, la risposta alla tua domanda ” è giunta l’ora di buttare un oggetto così utile?” non può che avere risposta positiva!

      Ti auguro di ricavare il meglio da questa tua nuova avventura di nonno :-)

  14. elena
    14 gennaio 2013 at 16:09

    Buongiorno a tutti,
    sono una mamma quarantenne e uso il microonde da circa venti anni, lo uso soprattutto per scaldare o scongelare, per cuocere i cibi prediligo, per le verdure, la cottura a vapore nella pentola a pressione (con griglia che le tiene sollevate dall’acqua)e per carne, uova, formaggi ecc la piastra di pietra o (credo) di ghisa senza alcun grasso, tranne passare della carta assorbente intinta nell’olio, oppure il forno tradizionale. Non ho mai fumato e ho sempre fatto tanto sport, ho un orto dove coltivo verdure… ma il mio vicino ha il tetto di amianto!!! (e la mie verdure???)Passo per le ridenti valli del Trentino e vedo gli alberi carichi di mele a ridosso di strade con la fila di macchine fissa per parecchie ore al giorno… (e le mele del trentino???)… Conosco una signora ottantenne che non ha mai bevuto il latte e da 20 anni ha le ossa che si spezzano come grissini… (mancanza di calcio???). Noi possiamo cercare di fare del nostro meglio, ma purtroppo credo che per poter vivere una vita serena ci conviene incrociare le dita e andare avanti.

    • 14 gennaio 2013 at 18:34

      Buongiorno Elena, benvenuta su Miglioriamoci :-)

      Di certo i fattori che possono influire sulla nostra salute q quindi sulla nostra vita sono molteplici e non su tutti è possibile avere un controllo: l’aria è inquinata, ma dobbiamo comunque respirare…
      Ci sono però un sacco di cose su cui possiamo lavorare, si tratta solo di impegnarsi un poco per conoscerle e agire di conseguenza…
      La salute o la non salute non è causata da fortuna o sfortuna, ma dalle nostre scelte quotidiane, dalle nostre abitudini e dai nostri pensieri, siamo noi ad avere il potere di cambiare le cose cominciando dai piccoli particolari…
      Le mele del trentino che hai citato potrebbero vincere la palma come peggiore frutta italiana, non per il sapore ma piuttosto per l’intensissimo uso di pesticidi che viene fatto per ottenere mele tutte perfette…

      Il latte secondo molti impedisce al calcio di essere fissato nei posti giusti, ma non è la sola causa possibile di osteoporosi… Cosa mangiava la signora? O magari cosa non mangiava? Che medicine ha preso? Come è stata la sua infanzia? Tante sarebbero le domande da porre… Certo che, come dici tu, non si può controllare tutto, ma si può fare molto di più di quanto si fa ora…

      Lo sapevi che il fatto che l’amianto sia cancerogeno era già noto negli anni 30? Eppure si è dovuti arrivare agli anni novanta per vietarlo… Si può fare molto di più di ciò che si fa ora ;-)

  15. Enrico
    23 gennaio 2013 at 11:50

    Gentilissimo sig. Amos Boilini,
    leggendo alcuni degli argomenti in questo sito mi vengono in mente tanti dubbi, tante incertezze e mi chiedo come si può fare a credere veramente a tutto e poter accettare di ripartire ,direi da zero, cambiano uno stile di vita ormai consolidato???
    Certamente dopo aver letto questi argomenti posso incominciare a fare un pò di attenzione, ad esempio limitando l’uso del microonde ma buttarlo???sarà duro, in quanto la comodità e praticità,che spesso a causa del poco tempo quotidiano molti strumenti e soprattutto molti alimenti ci offrono sul mercato.
    Le volevo però chiedere se è invece dannoso l’uso del microonde per vaporizzare e quindi sterilizzare con il kit specifico??intendo come sterilizzatore per gli accessori dei bambini…
    Cordiali saluti

    • Amos B.
      23 gennaio 2013 at 14:54

      Salve Enrico, benvenuto su Miglioriamoci :-)

      Capisco molto bene che tante informazioni destabilizzanti tutte in una volta possono essere dure da digerire… Quello che ti consiglio è di iniziare da ciò che ti sembra più plausibile per poi, nel tempo, iniziare a prendere in considerazione il resto…

      Per quel che riguarda la tua domanda sulla sterilizzazione direi che molto probabilmente sia uno dei pochi utilizzi del microonde che mi sento di etichettare come innocui ;-)

  16. Gianluca
    20 febbraio 2013 at 09:48

    Salve Amos,
    ho letto con interesse il suo articolo così come faccio abitualmente quando mi capita di trovare articoli critici nei confronti della tecnologia. Sicuramente molto di quello che viene detto sul microonde è corretto ma vorrei far notare che intanto il cibo non viene “riscaldato” dall’interno ma (come in tutte le cotture) dall’esterno. Un piccolo esempio è quello di mettere una noce di burro nel microonde a media o bassa potenza, si potrà notare che il burro si scioglie esternamente mentre all’interno resta ancora duro. Questo non vuol dimostrare che i pericoli non possano esistere ma solo che un’uso più corretto di ogni cosa sarebbe opportuno. Così come non è corretto riscaldare carne nel microonde non è consigliabile cuocere carne nelle padelle antiaderenti, scongelare alimenti in ambiente è molto meno salutare che metterli nel microonde con la funzione di scongelamento che limita l’uso delle onde e sopratutto impedisce che eventuali batteri presenti nell’aria possano contaminare il cibo. Penso che come tutte le cose anche il microonde vada usato nel modo corretto ma senza demonizzarlo, perchè altrimenti dovremmo iniziare a demonizzare tutti gli elettrodomestici che usiamo (lavatrici,televisori, router wi-fi,frigoriferi).
    Grazie per gli utilissimi articoli da voi pubblicati e molti dei vostri argomenti li ritrovo spesso sulla rivista Nexus (se non la conosce la invito a leggerla perché è davvero qualcosa che apre la mente).
    Un cordiale saluto
    Gianluca

    • Amos B.
      22 febbraio 2013 at 08:34

      Ciao Gianluca, benvenuto su Miglioriamoci :-)

      Ti ringrazio per i complimenti.

      Quello che dici è vero, bisogna stare attenti a non demonizzare oggetti che possono essere molto utili… È importante però rendersi conto del loro potenziale di pericolosità per poi agire di conseguenza…

  17. Guido
    5 marzo 2013 at 14:15

    Mi sono appena mangiato un bello spezzatino di bocconcini di vitello e patate, che avevo surgelato l’altra sera, ripassato al microonde dopo averci gettato sopra un paio di cucchiai d’olio (PRIMA di metterlo nel microonde).

    Mi hai fatto passare la fame e mi stai facedo risalire il pranzo, ora vado a lanciare il microonde da un dirupo.

    Non so se quello che scrivi è vero, dubito di tutto e di tutti, ma nel dubbio.. mi sa che inizio a cucinare solo a vapore.

    • Amos B.
      6 marzo 2013 at 10:12

      Ciao Guido, benvenuto su Miglioriamoci!

      Mi dispiace di averti rovinato il pranzo :-)

      Oggi è molto difficile scovare la verità, troppi interessi tendono ad offuscarla… Credo però che il tuo atteggiamento sia quello giusto: nel dubbio meglio evitare ciò che potrebbe essere dannoso!

  18. alessandro
    17 maggio 2013 at 20:08

    credo che la verità come sempre stia nella logica delle cose….c’e’ da chiedersi se convenga agli stati e ai governi di tutto il mondo mettere a rischio la salute dei loro contribuenti rischiando di spendere una marea di soldi per curarli ….nn credo proprio ,quindi se i microonde facessero male sarebbero già stati messi al bando e le case costruttrici verrebbero messe al palo da risarcimenti di cause legali milionarie per risarcire gli utilizzatori di questi apparecchi, per questo credo che il microonde di ultima generazione sia più che innoquo con tutte le certificazioni e prove a cui sono testati ,detto questo ognuno è libero di fare e credere come gli pare ,ma credo sia da sconsiderati creare panico sulla base di quello che ho letto su questo forum…saluti

    • Amos B.
      18 maggio 2013 at 08:24

      Ciao Alessandro benvenuto su Miglioriamoci :-)

      La tua logica non fa una piega ma a mio parere ha una grossa falla: lo stato non esiste come una entità a se stante, lo stato, il governo, è formato da diverse persone ognuna delle quali il più delle volte porta i suoi interessi personali…

      Le multinazionali hanno rami ovunque, esistono lobby create apposta per condizionare l’operato dei governi… I governi si bsano sempre sugli studi ufficiali per decretare se una cosa è buona o meno e, guarda caso, gli studi ufficiali provengono tutti dalle stesse multinazionali che poi hanno interesse a vendere il prodotto…

      Se il tuo ragionamento fosse vero allora non sarebbero per niente pericolosi anche i coloranti, i vari additivi chimici presenti nel cibo, i panini dei grandi fast food, i grassi idrogenati, etc.
      E molti in effetti pensano proprio che sia così… Ognuno è libero di pensarla come meglio crede…

  19. alessandro
    18 maggio 2013 at 20:49

    alla fine credo abbia ragione tu …viviamo in un mondo dove si guarda solo al business dei soldi ,nonostante tu faccia di tutto per fare una vita più sana possibile siamo circondati da tossine impazzite che si propagano ovunque …. detto questo personalmente uso una mia teoria che a ragion di logica dovrebbe funzionare per purificarsi ed è fare ogni settimana una bella sauna a 100° munito di bottiglia di 2 litri e sudo sudo sudo ripulendomi dalle tossine accumulate poi mi sento da dio come nuovo…sono talmente innamorato della sauna che sto pensando seriamente di comprarne una da mettere in casa per farla fare a tutta la famiglia…ultimamente è esplosa la moda della sauna a infrarossi le vendono ovunque costo molto basso e a sentire loro fanno tanto bene peccato che come tutte le mode a parte il made in china nn mi fido delle tendenze e rimango tradizionalista e punterò sulla sauna tradizionale finlandese a stufetta ,visto la tua attenta valutazione mi piacerebbe sapere cosa ne pensi di queste saune a infrarossi con pannelli in carbonio ultima tecnologia dalle doti miracolose ,anche se l’infrarosso dicono che sia ultracollaudato e usato anche in ospedale nelle incubatrici per neonati io nn mi fido….fammi sapere il tuo parere sono proprio curioso del tuo parere,saluti

    • Amos B.
      20 maggio 2013 at 10:01

      Ciao Alessandro, la sauna è un ottimo modo per disintossicarsi… Tieni comunque presente che il modo migliore per mantenere il corpo pulito e libero da tossine è introdurne il meno possibile ;-) (Qui trovi alcune dritte importanti: http://cibidaevitare.it)

      Per quel che riguarda la tua domanda sui raggi infrarossi concordo pienamente con te, molto meglio scegliere la sauna classica. È sempre molto molto difficile riuscire a sapere se una determinata nuova tecnologia è davvero innocua come sembra oppure se nasconde problemi magari sottovalutati al momento, o non scoperti, o peggio, deliberatamente occultati!

  20. Roberto Dungino
    26 maggio 2013 at 16:33

    Ciao mi chiamo Roberto, ho letto le informazioni su questo sito e le ho confrontate anche con altre info prese su internet, ho notato che ci sono delle cose che non tornano.
    Il dott Hertel che ha fatto questa ricerca sui cibi trattati al micro onde, ha fatto queste considerazioni anche su altri tipi di cotture ?? Poi per dare una valutazione scientifica si devono dare dei numeri e confrontare cosa succede al sistema immunitario durante la masticazione con cibi cotti con modalità diverse e non soltanto sul micro onde. Questa ricerca non è mai stata pubblicata su nessuna rivista scientifica. Non c’è uno straccio di prova che l’utilizzo del micro onde provoca il cancro. Ho visto il fatto della differenza, della pianta innaffiata con acqua e quella con acqua scaldata al micro onde. E’ chiaro se tu riscaldi l’acqua o al micro onde o con altro tipo di cottura cambiano le caratteristiche organolettiche dell’acqua a quel punto non è acqua ma acqua bollita è una cosa normale che non cresce la pianta.

    • Amos B.
      28 maggio 2013 at 13:44

      Ciao Roberto, benvenuto su Miglioriamoci :-)

      Oggi, nell’era dell’informazione è sempre più difficile scoprire la verità…
      Per quel che mi riguarda non è determinante se uno studio sia stato o meno pubblicato su di una rivista scientifica, in quanto molto spesso sussistono dei grossi interessi dietro alla pubblicazione o non pubblicazione di numerosi studi…

      Detto questo io metto la pulce nell’orecchio, personalmente non utilizzo il forno a microonde e lo sconsiglio a tutti, poi ognuno potrà valutare da solo, in piena responsabilità, cosa crede sia meglio per se…

  21. 2 agosto 2013 at 13:40

    hai i riferimenti scientifici degli esperimenti che citi?

  22. Leonardo Scorrano
    19 agosto 2013 at 12:07

    a proposito di microonde
    stavo per metterlo in garage …. quando mi sono imbattuto in questo video….
    forse può esservi utile … :-)
    http://www.youtube.com/watch?v=qPK2mrM7cTk

    cordialità :-)

    • Amos B.
      19 agosto 2013 at 13:17

      Ciao Leonardo, ti ringrazio per la segnalazione…
      Il video che hai citato è un ottimo esempio di come si possano mischiare le acque e rendere molto difficile trovare la vera verità sulle cose…
      Esistono centinaia di studi scientifici a supporto o contro una determinata tesi, spesso la discriminante tra uno studio a supporto e uno contrario la si trova in chi finanzia tale studio: se è finanziato da qualche multinazionale puoi stare sicuro che l’esito sarà a favore del suo prodotto..
      Detto questo Superquarck è il contenitore perfetto proprio per questo tipo di notizie altamente consigliate dalle diverse multinazionali…

      Naturalmente la scelta è individuale, ognuno può valutare le diverse notizie e decidere cosa sia meglio fare per la propria salute…

      Solo una cosa è sempre da ricordare: le multinazionali hanno grandi mezzi per diffondere le proprie idee, si avvalgono degli organismi ufficiali (corrotti fino al midollo) per diffonderle.. Le idee controcorrente invece in genere non hanno questo tipo di potere anzi, vengono contrastate con forza proprio da quegli organismi che dovrebbero sostenere la ricerca della verità in nome della salute delle persone…

  23. domenico
    15 maggio 2014 at 20:48

    sono contento di aver scoperto questo sito oggi pensavo Ai possibili danni derivanti dall’uso del forno microonde e mi sono ritrovato sul vostro sito grazie per le informazioni che mettete a disposizione e dopo aver letto questo articolo ovviamente da subito niente più forno a microonde :-) ho le idee molto più chiare adesso di questo diabolico aggeggio volevo condividere l’articolo su Facebook ma sotto non c’e’ il link per farlo

    • Amos B.
      19 maggio 2014 at 14:39

      Ciao Domenico, benvenuto su Miglioriamoci :-)
      prova a ricaricare la pagina, il link per la condivisione dovrebbe apparire subito sotto all’articolo…

  24. vincenza monopoli
    20 luglio 2014 at 10:03

    Ho comprato da poco un forno al microonde e per timore ho preso uno molto buono,ma,penso che gli effetti negativi non dipendano dalla qualità.Avendolo comprato da poco penso ci siano più accortezze per evitare meno danni,se cosi’ non fosse,quale uso posso fare con tale strumento(giusto per non buttarlo)
    Attendo una risposta.

    • Amos B.
      28 luglio 2014 at 09:15

      Ciao Vincenza, benvenuta su Miglioriamoci
      Credo proprio che il principio di funzionamento sia esattamente lo stesso sia su un forno economico che su uno di alto livello…
      Non conosco utilizzi alternativi mi dispiace, credo che l’unica soluzione sia quella di non utilizzarlo…

SCRIVI qui il tuo commento! Non lo hai mai fatto? Un mio piccolo omaggio è pronto per te! lo riceverai sulla tua mail dopo aver inserito il tuo primo commento :-)

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *