Le dieci peggiori cose che puoi fare in cucina

DIFENDI LA TUA SALUTE

Accedi al Corso Gratuito in 5 lezioni che ti svelerà:

  Il segreto più nascosto dalle multinazionali alimentari
  Tutta la verità sugli additivi alimentari
  I 3 errori più comuni sul mangiare sano e come non commetterli più!
Accedi con Facebook
Oppure inserisci qui la tua mail:

Le dieci cose peggiori che puoi fare in cucinaOggi ho preparato un breve decalogo delle dieci cose peggiori che puoi fare in cucina…
Si tratta di comportamenti piuttosto diffusi, e chi li pratica ogni giorno non ha idea di quello che sta facendo, non ha idea di star lavorando contro se stesso, contro la sua stessa salute…

Esistono già le industrie alimentari che ci rendono difficile alimentarsi in modo sano, perlomeno evitiamo di tirarci la zappa sui piedi da soli ;-)
 

Le dieci peggiori cose che puoi fare in cucina
 

  1.  Cucinare i Wurstel nel microonde

    Si tratta di una accoppiata criminale, i wurstel sono pieni di conservanti, realizzati con le materie prime più scarse, il microonde è dimostrato che fa male alla salute mettendoli insieme si crea una sorta di mostro… Farlo significa non avere la minima voglia di salvaguardare il proprio corpo e la propria salute!

  2. Preparare una torta con la vanillina

    Esistono numerose ricette che prevedono questo ingrediente… Ma cosa è la vanillina? La vanillina non è nient’altro che un aroma  artificiale, sì proprio uno di quelli utilizzati dalla industria alimentare… Molto meglio utilizzare la vera vaniglia per fare una torta e lasciare la vanillina li dove sta ;-)

  3. Cuocere il soffritto per 2 ore

    Cuocendo per tanto tempo il soffritto le proprietà di qualsiasi verdura che mettiamo all’interno spariscono, le vitamine se ne vanno, le proprietà nutritive calano esageratamente, in pratica si ammazzano per bene tutti gli alimenti contenuti all’interno e si mangia qualcosa di per niente nutriente.

  4. Mescolare le pietanze nella pentola antiaderente con una posata di metallo

    Questa pratica fa si che il fondo della pentola venga rigato rilasciando così sostanze altamente cancerogene negli alimenti! Utilizzare sempre posate in legno o in plastica all’interno delle pentola antiaderenti. Fare attenzione anche nel riporle, a non metterci sopra un’altra pentola che potrebbe andare a rigare il fondo.

  5. Lavare le pentole senza risciacquarle per bene

    I detersivi moderni non sono certo un esempio di naturalità, lasciarne dei residui nelle stoviglie non è certo salutare, questi residui finiranno nel cibo che cucineremo e di conseguenza anche dentro di noi… Berresti mai del detersivo?

  6. Utilizzare il dado

    Il dado è per molti considerato indispensabile, ma il dado che possiamo acquistare nel supermercato contiene ingredienti altamente dannosi (anche quello senza glutammato monosodico), per questo molto meglio non utilizzarlo. Qui puoi trovare una ricetta per farti il dado in casa.


  7. Utilizzare la scorza di limoni o arance trattate

    Gli agrumi vengono trattati in superficie per mantenere quella bella buccia lucida e attraente con composti chimici come l’E230 (difenile) un composto derivato dal carbone anche utilizzato come pesticida…

  8. Impacchettare gli alimenti contenenti limone e aceto con carta di alluminio

    La carta di alluminio a contatto con sostanze acide rilascia molecole di alluminio nell’alimento, l’alluminio può provocare serie malattie come la sclerosi multipla.

  9. Utilizzare pentole di alluminio
     
    Le pentole di alluminio  rilasciano sempre alluminio negli alimenti, l’alluminio è un metallo tenero, basta pochissimo per graffiarlo, e per ogni graffio, dell’alluminio si è staccato dalla pentola e si è riversato nell’alimento.

  10. Strinare ogni cosa

    Questo credo sia ovvio :-) le cose strinate non vanno bene e in genere non piacciono a nessuno… ma è importante ricordare che le parti strinate, oltre a non essere buone al palato sono anche cancerogene.


Per concludere voglio condividere con te questo divertente video che ho trovato in rete:

[youtube http://www.youtube.com/watch?v=idLoOwAgRsM]

Conoscere cosa contengono gli alimenti che troviamo al supermercato è essenziale per vivere in salute ma è anche molto importante imparare a cucinare nel modo corretto ;-)

 

DIFENDI LA TUA SALUTE


"Scopri l'amara verità sul cibo che mangi ogni giorno"

Ecco come riconoscere il cibo sano e non cadere nelle trappole tese dalle multinazionali alimentari


Accedi con Facebook
Oppure inserisci la tua email per accedere gratuitamente al mio corso privato in 5 lezioni!


P.s.

Se ti è piaciuto questo articolo condividilo su Facebook o Twitter

  16 comments for “Le dieci peggiori cose che puoi fare in cucina

  1. 2 maggio 2012 at 08:48

    Mi sono salvata…..io ho “solo” sempre avvolto il limone nella stagnola….ma da oggi non lo farò più…per il resto….sono stata brava….9 su 10 !!!

    • Amos B.
      2 maggio 2012 at 09:50

      Grande Simonetta complimenti :-)

  2. cristina
    2 maggio 2012 at 12:00

    10 ottimi suggerimenti, mi piace cucinare ma non uso il forno a microonde , il dado non lo uso per abitudine preferisco il sale iodato e quando cucino i dolci non uso mai la vanillina, beh qualche cosa ho imparato negli anni! w la salute! grazie…

    • Amos B.
      2 maggio 2012 at 12:20

      Ciao Cristina, benvenuta su Miglioriamoci :-)

  3. 2 maggio 2012 at 21:12

    Grazie dell’elenco Amos..! Conoscevo già queste regole ma è sempre più chiaro vederle una dopo l’altra…E sono ossessionato dallo sciacquare bene le posate, temo molto i detersivi…!!
    Un abbraccio !

    • Amos B.
      3 maggio 2012 at 09:02

      Ciao Fabio, di nulla… Fai molto bene a temere i detersivi e a sciacquare a fondo, pensa che in Inghilterra, molte persone non sciacquano mai i piatti ( me lo ha confermato un mio amico inglese che ha iniziato a farlo da quando è qui in Italia!)

  4. 4 maggio 2012 at 11:39

    Si Amos ancora una volta molto utili tutti i suggerimenti che hai dato in quest’articolo infatti alcuni non li conoscevo come quello della vanillina, ma che comunque non uso mai.
    Inoltre una cosa non mi era chiara, il significato di strinare, che non faceva parte del mio vocabolario, ora sono andata a vedere ed ho scoperto che significa bruciacchiare la pelle del pollame dopo averlo spennato. Anche qui mi è andata bene, non lo faccio più da tanti anni, anche perché ho smesso di mangiare carni. Sempre grata Amos, alla prossima!

    • Amos B.
      4 maggio 2012 at 12:17

      Ciao Margherita, forse “strinare” è un termine un poco dialettale :-) intendevo brucciacchiare ma non solo la pelle del pollo o la carne, anche qualsiasi altra cosa…

      Per esempio se cuoci del riso integrale e non metti abbastanza acqua quello sul fondo si strina, si attacca sul fondo e diventa nero… A quel punto non è bene mangiarlo, sia perchè è poco buono al palato e soprattutto perchè può essere cancerogeno!

      Stessa cosa vale per la carne o le verdure alla griglia, se sono cotte troppo e iniziano ad essere nere “strinate”, non sono più molto sane…

      Un caro saluto

      • Enrico
        16 giugno 2012 at 09:40

        si, io ho attinto automaticamente al dizionario italiano-“dialetto modenese” per la parola strinare e non mi ero accorto del mismatch ..

        • Amos B.
          16 giugno 2012 at 13:41

          Ciao Enrico, benvenuto su Miglioriamoci :-)

          Ci sono parole che si dicono così spesso che si tende a credere facciano parte della lingua italiana e invece sono dialettali :-D

  5. Roberta
    29 giugno 2012 at 08:29

    :-) mi è piaciuto moltissimo quest’articolo! Alcune cose non le sapevo, come il limone ed aceto avvolti nell’alluminio. Per fortuna non faccio più nessuna di queste…..anni fa mi piaceva lo strinato, sopratutto i prodotti farinacei, ho eliminato tutto. Grazie ancora!

    • Amos B.
      29 giugno 2012 at 08:31

      Ciao Roberta, sono felice che ti sia piaciuto :-)

  6. Marco
    19 novembre 2012 at 03:32

    Perchè non va usata la buccia del limone o arance tritate?

  7. Marco
    19 novembre 2012 at 03:33

    nel senso, se sono biologiche si possono usare, vero?

    • Amos B
      19 novembre 2012 at 08:16

      Ciao Marco, benvenuto su Miglioriamoci :-)

      La buccia dei limoni, delle arance, degli agrumi in genere viene trattata con E230 (difenile) un derivato del petrolio che spesso penetra dentro fino al frutto…

      Per questo la buccia è bene evitarla.

      Gli agrumi provenienti da agricoltura biologica non dovrebbero venire trattati in questo modo, la certezza la abbiamo nel momento in cui viene dichiarato in modo chiaro “non trattati” ce ne possiamo accorgere anche dal loro essere un pò meno lucidi..

  8. 20 maggio 2013 at 12:26

    Riguardo al sale, perchè quello biologico costa circa 4,00 mentre il classico meno di 1,00? Anche sulle materie abbondanti in natura usano strategie dannose? Ho dei dubbi…

SCRIVI qui il tuo commento! Non lo hai mai fatto? Un mio piccolo omaggio è pronto per te! lo riceverai sulla tua mail dopo aver inserito il tuo primo commento :-)

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *