Parassiti intestinali ? Nemico subdolo e pericoloso

DIFENDI LA TUA SALUTE

Accedi al Corso Gratuito in 5 lezioni che ti svelerà:

  Il segreto più nascosto dalle multinazionali alimentari
  Tutta la verità sugli additivi alimentari
  I 3 errori più comuni sul mangiare sano e come non commetterli più!
Accedi con Facebook
Oppure inserisci qui la tua mail:

parassiti intestinali come eliminarliSalve a tutti, mi presento, sono il Chinesiologo Marco Corti e da oggi anche io entro a far parte del team di Miglioriamoci.net

Vorrei iniziare parlandovi di parassiti intestinali!

La ricerca scientifica, cerca sempre molecole miracolose, in realtà basterebbe eliminare uno dei problemi più antichi, per risolvere molti problemi, basti pensare che i parassiti intestinali con le loro scorie ( urine e feci ) vanno a interagire sul sistema immunitario.

La ricerca ha dimostrato che spesso i parassiti intestinali sono causa primaria di patologie come : epilessia, cancro, diabete ecc.

L’argomento è considerato piuttosto spiacevole, perchè pensare di “essere infestato dai vermi” è qualcosa che infastidisce a livello psicologico, anche perchè i parassiti sono considerati “cose sporche” e a nessuno di noi piace pensare di essere pieni di cose sporche che vivono al nostro interno.

Tra il parassita e l’uomo si stabilisce una sorta di convivenza, basata su un basso tasso di disturbo. Quindi il più delle volte il parassita cerca di creare, almeno apparentemente, il minor numero di problemi possibile.
Proprio per questo motivo buona parte dei medici non sono motivati ad arrivare ad una diagnosi relativa alle infestazioni parassitarie e quando ci arrivano è quasi sempre dovuto ad una serie di valutazioni casuali.

170 sono i parassiti intestinali. Divisi in protozoi ed Elminti comunemente chiamati Vermi tra i quali sono l’Ameba, la Giarda e il Toxoplasma.

Quando i parassiti si trovano nell’intestino possono attraversarlo ed essere veicolati, per mezzo del sangue, in tutto l’organismo andandosi a posizionare nei punti deboli del corpo.

Il problema dei parassiti intestinali riguarda tutta la popolazione mondiale.

 

Attualmente la loro presenza non viene quasi mai diagnosticata per quattro principali motivi:

1. I sintomi sono molto variabili, ed è molto difficile fare un quadro diagnostico preciso.

2. Nelle università, per qualche inspiegabile ragione, non viene data importanza a questo fenomeno e raramente i medici ne hanno competenze approfondite.

3. Pochi sono i laboratori attrezzati per i test dei vari parassiti ed i protocolli usati per i pochi parassiti presi in considerazione sono largamente inefficaci.

4. La vita dei parassiti si svolge in molte fasi e in generale si rilevano dalle analisi solo nella forma adulta, che è palese nelle feci o nell’area perianale solo per breve tempo quindi l’esame delle feci dovrebbe essere fatto subito, perché dopo due ore le tracce scompaiono.

La dottoressa americana Hulda Regehr Clark, la maggiore esperta del settore, con i suoi studi sui parassiti intestinali e dei danni che possono causare ha avuto il merito di proporre alla comunità medica e scientifica l’attualità e la pericolosità di questo problema dei parassiti intestinali.

Il pericolo lo si comprende facilmente considerando che l’intestino contiene la maggior parte del sistema immunitario, ovvero il sistema che ci deve proteggere dall’assalto dei germi invasori.

I parassiti adulti producono l’orto-fosfo-tirosina che è lo stimolante che instaura il processo canceroso nel corpo umano. 
Eliminando regolarmente i parassiti, si può eliminare il rischio di patologie cancerose.

 

I parassiti si prendono da:

  • Acqua che beviamo

  • I vegetali poco lavati

  • carne , pesce , crostacei crudi o poco cotti

  • Il contatto con animali domestici

  • Il contatto diretto con feci umane o animali contaminate o indiretto tramite terra polvere

 

Si agevola lo sviluppo dei parassiti con:

  • L’abitudine di mettersi le mani in bocca

  • il consumo di cibo improprio e contaminato

  • tossine dovute all’ambiente o ai prodotti chimici usati nell’industria farmaceutica o alimentare

  • l’uso di antibiotici e medicine che tendono ad abbassare le difese immunitarie

  • i viaggi e i soggiorni nei Paesi particolarmente a rischio (tutti i Paesi emergenti, mediorientali ed africani)

 

Alcuni sintomi dovuti alla presenza di parassiti:

  • Prurito anale
     
  • gonfiore intestinale
     
  • eccessiva areofagia
     
  • stitichezza
     
  • dissenteria
     
  • eruzioni cutanee

 

In ultimo è importante capire che non è grave prendere i parassiti, ma è importante fare la giusta verifica per monitorarne l’eventuale presenza per poi eliminarli.

 

Come possiamo quindi capire se abbiamo o no parassiti intestinali? E come possiamo, nel caso, eliminarli?

Ho risposto a queste due importanti domande in questo video che ti invito a guardare con attenzione. 

La tua salute di domani dipende da ciò che fai oggi! (Clicca qui per scoprire se hai parassiti intestinali e come eliminarli)

 

Un caro saluto

Marco Corti

 

P.s.

Se ti è piaciuto questo articolo condividilo su Facebook, Twitter o G+ ;-)


  21 comments for “Parassiti intestinali ? Nemico subdolo e pericoloso

  1. francesco
    25 ottobre 2012 at 09:32

    Mi scusi Dott. Conti, grazie per il suo articolo, come posso vedrò il video.
    Però non ho ben chiara una cosa, lei dice che si posso prendere parassiti nel pesce e crostacei crudi, ma allora al giapponese non si dovrebbe andare? In Giappone allora le presenza di malattie dovrebbe essere altissima visto che il crudo è come la pasta da noi?
    Mi scusi la domanda forse sciocca.
    grazie mille

    • luigi
      25 ottobre 2012 at 14:51

      Non solo i giapponesi, anche i lapponi e gli eschimesi che mangiano carne cruda e pesce crudo a quintalate e non hanno alcun problema, anzi se sopravvivono ai freddi polari nella tenera eta’, campano 100 anni, senza malattie cardiovascolari, non sono obesi, senza tumori e senza perdere i capelli e senza che questi diventino bianchi. I parassiti quindi non centrano un bel niente. Tutti gli animali (anche l’uomo e’ un animale) convivono con i parassiti, pensiamo ai carnivori che mangiano le carcasse decomposte per diverso tempo, sarebbero gia’ estinti.

      • 29 ottobre 2012 at 17:39

        Caro Luigi sarebbe troppo bello se fosse come scrivi nella tua risposta a Francesco, andremmo tutti a vivere in Lapponia. Purtroppo anche loro hanno i loro problemi e i loro rimedi ed anche loro hanno problemi di eccedenza parassitoria.
        Spesso il giardino del vicino ci sempra più verde.
        La cosa importante è non sottovalutare il nemico ed in questo caso i nemici sono i parassiti intestinali che tutti noi abbiamo.

    • 29 ottobre 2012 at 17:32

      Bella la tua osservazione logica. In quello che scrivi si evince il fatto che tu voglia evadere il problema.
      Il problema dei parassiti è presente in tutte le popolazioni e spesso sono causa di patologie cronico degenerative. Da uno studio dell’università di Dublino si legge che la problematica parassitoria è comune a tutte le popolazioni. Purtroppo , essendo spesso un problema asintomatico, la cosa viene poco considerata anche dai professionisti delle medicine di tutto il mondo.
      L’unica che ha preso in considerazione la cosa è la dott.sa Hulda Regehr Clark che ti suggerisco di leggere.

  2. lorenza
    25 ottobre 2012 at 10:01

    Io uso il vermint, aglio, pulizie intestinali, ed un’altra serie di prodotti che funzionano molto bene. Poi ci sono i consigli della Dott.ssa klark sono molto utili e interessanti, sono anni che la seguo.

    • 29 ottobre 2012 at 17:46

      Carissima Lorenza ,
      qullo che te scrivi non mi risulta essere così efficace.
      Da svariati test che ho fatto ho notato che le sostanze da te indicate non hanno dato un risultato sufficentemente efficace.
      I miei consigli li potrai trovare all’interno di questo video http://www.metodomc.it/eliminare_stanchezza_cronica

  3. 3 novembre 2012 at 22:38

    Che ci siano parassiti nell’intestino sono daccordo, quello che mi lascia un po perplesso nel libro della Clark, è la modalità secondo la quale i parassiti arrivino nell’intestino. Sembra infatti che il Ph dello stomaco si aggiri intorno ph 1-1,5 quindi tutto quello che si ingerisce, di certo arriva nell’intestino MORTO, anche gli eventuali vermetti vengono uccisi e digeriti. Mi domando sempre come sia possibile fare affermazioni causa /effetto del genere: ti sei messo le mani in bocca e adesso hai i vermi.. Come ha fatto la Clark a verificarlo? Sono quelle teorie che lasciano il tempo che trovano. Prova a pensare… come è possibile verificare se veramente i vermi che adesso hai nell’intestino siano entrati da sopra? Ha forse introdotto il malefico vermicello da sopra e poi verificato sotto se è arrivato a destinazione vivo? È come la teoria dei batteri, tanto temuti in italia; visto che osservando un malato, si possono riscontrare dei batteri dalle analisi, allora vuol dire che i batteri sono la causa della malattia. Attualmente sono in molti ad affermare il contrario. Sembra cosi….. ma è completamente differente!
    Avrei sempre voluto chiedere alla Clark come ha fatto a partorire le sue teorie ma purtroppo… è morta!

    • 5 novembre 2012 at 12:41

      rispondere a tali affermazioni , sarebbe meglio farlo di persona , confrontandosi con domande e risposte per offrirti l’opportunità di capire l’insieme.
      Per prima cosa cerchiamo di capire e parlare di parassiti intestinali, i batteri sono un’altra cosa e ci sarebbe da parlare per giorni e giorni.
      Per i parassiti invece la spiegazione è molto semplice e la Dottoressa in questione ti risponderebbe che i vermicelli e le larve a contatto con i succhi gastrici arriverebbero morti nell’intestino ma le uova di 170 tipi diversi di parassiti sono gastroprotette e non si degenerano.
      Poi i parassiti si prendono anche con la promisquità di animali domestici, la poca igiene e molti altri modi.
      Molto si può leggere su internet e su riviste autorevoli che spiegano molto bene i vari procedimenti di insinuazione del parassita.
      La cosa che ti posso dire è che facendo il test chinesiologico ho avuto l’opportunità di monitorare tante persone ed ho riscontrato la presenza in eccedenza di parassitosi in tutti.
      La parassitosi intestinale, purtroppo è presa spesso in poca considerazione da molte persone, professionisti e medicine ma se controllata seriamente e debellata, potremmo assistere ad una serie di mutamenti che portano tutti al miglioramento del soggetto. Il parassita di per se in giusta misura ha anche valide funzioni e regola molti equilibri ma l’eccedenza crea enormi scompensi ai quali il ns. organismo deve porre rimedio.

      • 29 novembre 2012 at 10:04

        test chinesiologico? e chi ti dice che sia un metodo affidabile per testare i parassiti? La mia esperienza mi insegna che un sacco di persone dicono un sacco di cose e poi quando si fa una verifica oggettiva le cose sono completamente diverse! può spiegare per cortesia per quale principio un test chinesiologico dovrebbe essere affidabile per quanto riguarda i parassiti?

        • 29 novembre 2012 at 22:59

          Il test chinesiologico o test di contrazione muscolare è ormai un sistema validato da diecine di università in tutto il mondo. Esistono almeno 150 scuole di chinesiologia solo in Italia. E’ una pratica convalidata da oltre 50 anni e ci sono centinaia di migliaia di chinesiologi che fanno questo tipo di verifica. Tra tutti i test affidabili il test chinesiologico per la verifica della verminosi è a pari merito con l’immunoflorescenza a contrasto con la differenza che è molto più rapido , meno invasivo, ma soprattutto molto più economico.
          La procedura è semplice ed affidabilissima . Basta farla con qualcuno in grado di eseguirla correttamente , come tutte le cose.

      • Roberto
        30 settembre 2013 at 20:30

        se il parassita di per se in giusta misura ha anche valide funzioni e regola molti equilibri come facciamo a regolare il quantitativo se lo vogliamo eliminare …?

  4. Luciano
    17 maggio 2013 at 05:29

    Leggendo i commenti ho notato un certo scetticismo contro tutto ciò che esula da paradigmi consolidati e molta diffidenza. Non condanno chi resta nel dubbio, ma chi rimane bloccato nei dogmi. L’unico modo per sapere se funziona il metodo mc è fare esperienza. Soffro di colon irritabile e di tutto ciò che ne consegue. Ho letto il libro della dottoressa Clark e non mi sono sognato minimamente di confutare 30 anni di studi. Nonostante ciò è giusto diffidare, ma è grazie a chi si mette in gioco ogni giorno, studiando e cercando alternative alla medicina ufficiale, che si possono scoprire e risolvere problemi che possono perdurare nel tempo. Buona salute a tutti e un ringraziamento a tutte le persone che cercano soluzioni per vivere meglio. Luciano

    • Amos B.
      17 maggio 2013 at 08:35

      Ciao Luciano, benvenuto su Miglioriamoci e grazie davvero per questo tuo commento, fa piacere che ci sia qualcuno che capisce il lavoro che comporta arrivare a determinate conclusioni :-)

  5. 17 maggio 2013 at 10:21

    Caro Luciano
    Hai provato a seguire i primi passi del Metodo MC per il tuo intestino ?
    Un caro saluto
    Marco Corti

  6. Luciano
    17 maggio 2013 at 21:12

    Un saluto a tutti ed in particolare ad Amos e Marco Corti. Le medicine sono arrivate nel pomeriggio e domani mattina inizio la cura. Ieri ho iniziato a prendere micox ed arnica, per anticipare i tempi. In serata ho fatto bollire 4 spicchi di aglio nel latte ed ho ingerito il tutto. Ho cenato con pomodori, carote cipolle. E.L

  7. anna
    3 luglio 2014 at 22:15

    quello che ho letto fino ad ora e’ una cosa molto interessante

  8. alfredo
    24 luglio 2014 at 17:42

    salve dottore, ho 20 anni , ho avuto un soffocamento, credendo che era la faringe, sono andato in ospedale e mi avevano detto ti stringe perche hai la farangite, mi hanno fatto il bentaland, poi dopo una settimana credendo di avere allergia , stranutando sempre alla fine mi è uscito un verme bianco tipo come quello da pesca dal naso, sono andato in unaltro pronto soccorso e mi hanno detto di prendere il combantrin, 1 sola somministrazione poi da ripetere dopo 15 giorni , adesso tutti i sintomi sono passati , a da piu’ 2 settimane ho preso pure una boccia di pastiglie che danno in erboristeria contro i vermi, rimedi naturali, adesso voglio sapere .. se dovrei prendere per la 3 volta i combantrin lei cosa ne pensa ? …

  9. alfredo
    24 luglio 2014 at 17:43

    dimenticavo, prima di avere i vermi sul naso non avevo nessun sintomo oltre lo stringimento di gola che mi aveva preso.. dopo sono arrivati i sintomi, con prurito anale, dolori addominali , e nervosismo..

  10. 28 luglio 2014 at 09:20

    Ciao Alfredo, ti suggerisco di scaricare la mia guida per un intestino sano ( http://metodomc.it/intestino ) e seguirla passo passo: hai un gran bisogno di ripulire a fondo il tuo organismo e il punto di partenza è sempre l’intestino.
    Se poi avrai dubbi potrai scrivermi sulla mia mail ( che troverai all’interno della guida)

  11. giusi boasso
    23 agosto 2014 at 00:45

    è interessante ma come si può parlare con il dottor marco conti per togliere alcuni dubbi? grazie

    • Amos B.
      23 agosto 2014 at 18:42

      Ciao Giusi, benvenuta su Miglioriamoci, per contattare Marco Corti puoi scrivere a info@metodomc.it

SCRIVI qui il tuo commento! Non lo hai mai fatto? Un mio piccolo omaggio è pronto per te! lo riceverai sulla tua mail dopo aver inserito il tuo primo commento :-)

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *