Coca Cola 1000 usi possibili: l’importante è non berla!

DIFENDI LA TUA SALUTE

Accedi al Corso Gratuito in 5 lezioni che ti svelerà:

  Il segreto più nascosto dalle multinazionali alimentari
  Tutta la verità sugli additivi alimentari
  I 3 errori più comuni sul mangiare sano e come non commetterli più!
Accedi con Facebook
Oppure inserisci qui la tua mail:

I mille usi possibili della Coca colaLa Coca-cola non ha certo bisogno di presentazioni, con più di 1.000.000.000 (un miliardo) di lattine vendute ogni giorno (senza quindi contare le bottiglie di vetro e plastica) è la bevanda più conosciuta al mondo!

Coca Cola 1000 usi possibili: l’importante è non berla!

Molti non sanno però che la Coca-cola può essere utilizzata in molti modi diversi:

  • Può essere utilizzata per pulire macchie di sangue, anche dai capi di abbigliamento
  • Può essere utilizzata per sciogliere le ossa: un osso immerso nella Coca-cola si scioglie in due giorni
  • Può essere utilizzata per pulire il WC, basta versarne un poco nella tazza, attendere qualche minuto e poi tirare lo sciacquone
  • Può essere utilizzata per togliere le incrostazioni sui piatti
  • Può essere utilizzata per togliere tracce d’olio sui paraurti cromati delle auto, utilizzando un foglio di alluminio intinto nella Coca-cola
  • Può essere utilizzata per pulire le parti corrose delle auto a causa di perdite di acido dalla batteria
  • Può essere utilizzata per eliminare macchie di grasso dai vestiti: è sufficiente versarne un poco nella lavatrice prima di iniziare il lavaggio
  • Può essere utilizzata per pulire il parabrezza delle automobili
  • Può essere utilizzata per sgrassare la maggioranza delle superfici
  •  Può essere utilizzata per pulire le macchie di benzina da un garage
  • Può essere utilizzata per allentare un bullone arrugginito  ( al posto del classico “Svitol”)
  • Può essere utilizzata per aiutare un prato a diventare verde e bello
  • Può essere utilizzata per sbrinare il parabrezza dell’auto
  • Può essere utilizzata per pulire le padelle bruciate: lasciare agire per alcuni minuti
  • Può essere utilizzata per divertirsi a vederne esplodere una bottiglia semplicemente aggiungendo alcune Mentos ( caramelle)


  • Può essere utilizzata per rimuovere moscerini vari dal parabrezza dell’automobile
  • Può essere utilizzata per rivitalizzare le foto e i vecchi documenti
  • Può essere utilizzata per pulire il ripiano della cucina
  • Può essere utilizzata per aiutarsi a rimuovere un chewin-gum dai capelli 
  • Può essere utilizzata per allontanare api e vespe, basta posizionarne un bicchiere lontano, le api e le vespe ne verranno attratte
  • Può essere utilizzata per dare nuova vita alla azalee
  • Può essere utilizzata per far brillare l’alluminio
  • Può essere utilizzata per eliminare la vernice dai mobili

La Coca-cola può avere davvero tantissimi utilizzi molto utili: il modo peggiore per consumarla è quello di berla!

La Coca-cola è estremamente acidificante, il suo ph è di 2,8, e l’acido fosforico in essa contenuto è in grado di sciogliere il calcio nelle ossa: la Coca-cola è una delle principali cause di osteoporosi in bambini e ragazzi.

Il ph ottimale per il nostro corpo si aggira intorno a 7,3-7,4, quando il ph scende sotto questa soglia il nostro corpo entra in acidosi: il terreno base per tutte le malattie; senza acidosi non ci può essere malattia! Ebbene la Coca-cola è uno degli “alimenti” più acidificanti con cui possiamo venire a contatto, in altre parole possiamo considerare la Coca-cola come un contadino che lavora dentro di noi per preparare il terreno a future malattie!

Un ultimo accenno sulla Coca-cola Light, il miscuglio tra Coca e aspartame è considerato da molti ricercatori come una bomba a scoppio ritardato in quanto sembra possa provocare malattie neurodegenerative…

In conclusione possiamo dire che bere la Coca-cola classica è di certo meglio che bere la Coca-cola light, ma non bere nessuna delle due è di certo la scelta più saggia: la possiamo utilizzare per mille altri usi ;-) 

DIFENDI LA TUA SALUTE


"Scopri l'amara verità sul cibo che mangi ogni giorno"

Ecco come riconoscere il cibo sano e non cadere nelle trappole tese dalle multinazionali alimentari


Accedi con Facebook
Oppure inserisci la tua email per accedere gratuitamente al mio corso privato in 5 lezioni!


P.s. 

Se ti è piaciuto questo articolo condividilo su Facebook, Twitter o G+ ;-)

Nessun articolo correlato trovato

  76 comments for “Coca Cola 1000 usi possibili: l’importante è non berla!

  1. Luana
    22 giugno 2012 at 10:14

    Buon giorno,
    alcuni usi già li conoscevo, ma altri….proverò con il wc: dove non è riuscito l’anti-calcare, spero riesca la coca cola!
    Ovviamente mi rifiuto di berla, ma è davvero difficile far capire a chi la consuma come acqua fresca che si sta scavando la fossa. Perseverò.
    Grazie per i consigli.

    • Amos B.
      22 giugno 2012 at 10:30

      Ciao Luana, facci sapere :-)

  2. 22 giugno 2012 at 10:52

    Amos..c’è stato un periodo in cui avevamo preso la pessima abitudine di acquistarla frequentemente; dopo aver letto uno dei tuoi interessanti articoli, decidemmo di “abbandonare” questa “deleteria” abitudine!…dopo aver letto questo articolo..credo che farò in modo di “ridurne” ancor di più l’utilizzo…come dice GabRy….”si e no..alle feste”!!…e poi ti faccio la stessa domanda…visto che funziona con i prati e le azalee…e con le altre piante?..che faccio….quest’anno concimo con la “Coca -cola”?

    • Amos B.
      22 giugno 2012 at 11:06

      Ciao Simonetta, bella domanda, non saprei, la cosa migliore è provare e pi verificare cosa succede ;-)

    • mauro
      22 giugno 2012 at 18:34

      ciao, se la coca cola acidifica va bene solo per le piante a ph acido, come azalee,rododendri,camelie ecc.
      é sconsigliata per piante a ph basico.

      • Amos B.
        22 giugno 2012 at 19:02

        Ciao Mauro, benvenuto su Miglioriamoci :-)

        Ottima osservazione la tua!

  3. angelo
    22 giugno 2012 at 11:09

    non so se e’ leggenda metropolitana o verita’ ma dovrebbe essere anche un contraccettivo . numerose donne “dopo” si lavano con la coca cola per evitare gravidanze

    • Amos B.
      22 giugno 2012 at 11:15

      Ciao Angelo, benvenuto su Miglioriamoci :-)
      Sì quello che dici è vero, la Coca-cola ha anche l’effetto di uccidere gli spermini e quindi qualcuno lo usa come contraccettivo… Sicuramente però l’effetto è piuttosto blando in quanto è difficile farla scendere “in profondità” diciamo :-) tra l’altro io non la userei in luoghi così delicati!

      • cartafilo
        22 giugno 2012 at 14:05

        calola ahe poi ti diventa anche appiccicosa,,, quindi prima di rimetterti le mutande magari lavati con l’ acqua bella fresca…… che abbasssando il calore basale magari ti aiuta sncora di piu’ ma secondo me il contraccettivo piu efficace rimane quello verbale…….. trombiamo?…..NO!!

        • Amos B.
          22 giugno 2012 at 14:48

          Ciao Cartafilo, benvenuta/o su Miglioriamoci :-)

  4. Paolo
    22 giugno 2012 at 11:19

    ciao amos!
    alcune tue affermazioni, secondo me, andrebbero collegate ad evidenze e studi scientifici di esperti.
    Tante cose sono vere, ma non tutte!
    Comunque bello il sito e ciò che porti avanti.
    Paolo

    • Amos B
      22 giugno 2012 at 11:30

      Ciao Paolo, benvenuto su Miglioriamoci :-)
      Ogni affermazione ha bisogno di un supporto, di una evidenza scientifica, il problema è capire quale sia la fonte veritiera o meno: spesso puoi trovare tutto e il contrario di tutto…

  5. Alex
    22 giugno 2012 at 11:24

    La coca cola la bevo sin da quando ero bambino. Oggi ho 43 anni e sto bene. Parlo di sostituzione totale dell’acqua, non di una bevuta occasionale. Le persone che bevono come me esclusivamente coca cola sono tante, non poche. Nel paese dove vivo (rovereto, tn) so di per certo che vi è un altro che fa come me, è un amico, di altri non so. Comunque non mi pare stia male, anzi. Aggiungo che non sono né grasso né magro, né bello né brutto, nè intelligente nè stupido. Ma non credo che la coca cola incida sulla mia vita, come invece chi crede chi legge questo articolo. Ma forse tutto è semplicemente ironico e vabbe’. Sono sempre stato aggredito da farisei urlanti che mi prospettavano i mali peggiori per bere sempre coca cola, ma mi sembra che muoiano tutti e, paradossalmente, i primi a stare male sono quelli che ventilano i mali peggiori agli altri. Grazie per l’ospitalità.
    Alex.

    • Amos B
      22 giugno 2012 at 11:35

      Ciao Alex, benvenuto su Miglioriamoci :-)

      Ovvio che il titolo dell’articolo è volutamente provocatorio!
      Nell’articolo non vi è scritto che bevendo Coca-cola automaticamente ci si ammala,molti sono i fattori in ballo, possiamo dire che bevendo Coca-cola sei più esposto a numerosi problemi.

      La Coca-cola acidifica il sangue, ma se ti nutri con alimenti che al contrario basicizzano bilanci le due cose. La Coca-cola ruba calcio dalle ossa, e di questo, quando ci se ne accorge, spesso è troppo tardi per metterci una pezza…

      Io non voglio fare il fariseo come lo chiami tu che promette sventure, il mio compito è quello di riportare informazioni, di mettere pulci nell’orecchio, poi ogni persona è completamente libera di scegliere ciò che ritiene essere più giusto per lei: non siamo tutti uguali, l’importante è agire con consapevolezza!

    • Alice
      22 giugno 2012 at 15:49

      Ciao!
      Leggendo i commenti sopra, vorrei porre l’accento su una cosa che spesso sembra sfuggirci: quando si parla di un alimento che può minare la nostra salute, subito si pensa che ci debba far venire chissà quale accidente, cancro, ictus, infarto o simile.
      Ma che significa star bene?
      Per me sta bene una persona che non ha mai mal di testa, mai un mal di pancia, mai un dolorino di stomaco dopo il pasto, mai un mal di schiena venuto dal niente, mai l’alitosi, mai una stanchezza strana dopo pasto o al mattino appena sveglio, mai stitichezza, mai problemi di pelle ecc.
      Mica è necessario ammalarsi di cancro per non vivere appieno in salute: tanti piccoli disturbi che possono colpirci nella nostra quotidianità sono già sufficienti a dimostrarci che da qualche parte, nella nostra routine alimentare, o mentale o altro, stiamo sbagliando qualcosa.

      Nessuno è mai morto per un solo bicchiere di coca cola… ma se anche, a lungo andare, l’uso prolungato di questa bevanda mi desse anche solo un lievissimo e sporadico mal di testa, beh, allora mi sembra sacrosanto che se ne parli e giri questa informazione, poi, ovvio, ognuno sceglierà per conto suo a seconda delle sue esigenze!

      Poi, mi rendo conto che è difficile discernere quale fra i mille piccoli disturbi quotidiani sia quello potenzialmente scatenato o peggiorato dalla cocacola, ma tentar di smetterla non credo nuocerebbe a qualcuno (tranne ai guadagni della famosa multinazionale!)

      Vorrei anche ricordare che ogni disturbo anche minimo, se cronicizzato, può diventare terreno fertile per l’insorgere di altre malattie,purtroppo più gravi, quindi attenzione, gente: l’obiettivo è riconoscere che la nostra salute è un equilibrio delicato che dipende da tantissime cose…ogni alimento, pensiero, abitudine che abbiamo è un mattoncino che va a pesare sulla bilancia della nostra salute, quindi non possiamo sottovalutare nulla,anzi, l’idea è quella di acquisire sempre più sensibilità di noi stessi per capire quale mattoncino ci ha causato il problema del momento.
      Non bisogna diventare ossessivi: solo un po’ più attenti e fiduciosi della nostra capacità di giudizio,sia che ci sia chi è d’accordo e chi no.

      Non è facile, ma l’inizio di tutto è quello di diventare realmente consapevoli che i mattoncini li mettiamo noi sui piatti della bilancia, e se teniamo gli occhi bene aperti possiamo anche renderci conto di quale mattoncino togliere al momento opportuno^_-
      Ciao

      • Amos B.
        22 giugno 2012 at 15:55

        Ciao Alice, grazie per l’integrazione, sono pienamente d’accordo con te!

  6. enrico faraglia
    22 giugno 2012 at 12:10

    pessima abitudine le bibite in generale ….vizio che è proprio pessimo. smetterò anche quel poco che bevevo..kiki grazie Amos

    • Amos B
      22 giugno 2012 at 12:32

      Ciao, sono d’accordo con te ;-)

  7. Flavio
    22 giugno 2012 at 12:18

    ho capito finalmente a cosa serve!! ;) la comprerò più spesso adesso (mai comprata in vita mia, anche perchè il gusto non mi piace alquanto!)

    • Amos B
      22 giugno 2012 at 12:33

      Ciao Flavio, benvenuto su Miglioriamoci :-)
      Sì un modo per utilizzarla lo si può trovare!

  8. 22 giugno 2012 at 12:22

    Hai dimenticato di dire che si può usare anche per il parabrezza…
    =)

    • Amos B
      22 giugno 2012 at 12:34

      Ciao MagneTICO, benvenuto su miglioriamoci :-)
      Sì forse mi sono ripetuto un pò di volte ma così il concetto è chiaro no? ;-)

  9. pietgi
    22 giugno 2012 at 12:25

    1.000.000.000.000 di clienti serviti ogni giorno? 10^12 / 7*10^9 (popolazione umana) = 143 coke al giorno compresi i neonati eschimesi. mah

    • Amos B
      22 giugno 2012 at 12:35

      Ciao Pietgi benvenuto su Miglioriamoci e grazie per l’appunto, in effetti ho controllato meglio e avevo commesso un grosso errore nel tradurre i dati statistici…

      Ti ringrazio

      • 23 giugno 2013 at 22:26

        E’ ottima per pulire i Sondini Naso-Gastrici, spesso intasati da diverso materiale organico.

        • Amos B.
          24 giugno 2013 at 08:52

          Ciao Ciro, benvenuto su Miglioriamoci e grazie per l’integrazione :-)

  10. 22 giugno 2012 at 12:41

    Non immaginavo che la Coca-Cola potesse essere utile per tanti altri usi. Sapevo che ha il potere di sciogliere le ossa, in quanto estremamente acidificante, e che è una delle peggiori, se non la peggiore in assoluto, bevande in commercio.
    Mi chiedo però se il suo surrogato in versione salutistica, che c’è da tempo nei negozi del biologico, sia affidabile, e con che cosa è fatto.
    Concludo con una rettifica di una tua affermazione: il ph fisiologico del sangue non è 7-8, ma 7,3/
    7,4.

    • Amos B.
      22 giugno 2012 at 12:47

      Ciao Michele, hai visto quante possibilità offre, è davvero incredibile!

      Per quel che riguardo il suo surrogato che si trova nei negozi biologici non ho informazioni in merito, in genere non acquisto mai quel tipo di prodotti!

      Ti ringrazio per la rettifica, aggiusto l’articolo ;-)

  11. valeria
    22 giugno 2012 at 12:54

    Il mio fabbro la usa per arrugginire il ferro tipo corten!! (in alternativa si può usare l’acido solforico o il sale marino)

    • Amos B.
      22 giugno 2012 at 14:47

      Ciao Valeria, benvenuta su Miglioriamoci :-)

  12. michele d.
    22 giugno 2012 at 13:37

    Quasi tutte sciocchezze!!La Coca può essere usata per pulire il sangue perchè contiene molta anidride carbonica ma anche acqua e bicarbonato di sodio fanno lo stesso effetto. La coca( o la pepsi) non sono corrosive, ho fatto l’esperimento con delle ossa di pollo e dopo un mese erano intonse. L’acido fosforico serve ad abbassare la glicemia o meglio non far intervenire l’insulina perchè la coca contiene un sacco di zucchero(più del 30%)e dopo un sorso ti verrebbe il disgusto(in realtà è una difesa naturale) che è un avvertimento del corpo che ti sta dicendo che l’insulina non riesce a smaltire tutto lo zucchero che stai prendendo. La coca-cola NON E’ TOSSICA ma non fa bene (troppe calorie) ed in soggetti geneticamente predisposti porta al diabete per impazzimento del pancreas

    • Amos B.
      22 giugno 2012 at 15:00

      Ciao Michele benvenuto su Miglioriamoci!

      Nessuno ha detto che la Coca cola sia l’unica sostanza adatta a svolgere determinati compiti e nemmeno è stato sottolineato che questa sua predisposizione a svolgere questi compiti sia fonte di problemi per la salute…

      L’esperimento delle ossa non l’ho svolto in prima persona, mi riservo di provare e al limite aggiornare l’articolo ;-)

      L’acido fosforico è comunque un acido, per questo rende il ph della Coca-cola molto molto basso, appunto acido. Inserire nel nostro corpo sostanze acide contribuisce a inacidirlo e quindi a creare terreno fertile per le malattie…

      Come sottolinei bene tu la Coca-cola contiene più del 30% di zucchero, il nostro corpo,per natura, si ribellerebbe a cotanto contenuto, è una difesa naturale aggirata magistralmente dall’utilizzo dell’acido folico… Non hai pensato che se il corpo si ribella a una concentrazione così alta di zucchero c’è un motivo? Lo zucchero contenuto nella Coca cola non introduce nuova energia, semplicemente provoca un picco di insulina che poi ti comporta un successivo calo di energia, oltre a ciò lo zucchero ancora una volta acidifica il sangue confermando ancora di più la tesi esposta nell’articolo…
      La Coca-cola non è tossica, nessuno muore istantaneamente bevendo Coca-cola la possiamo considerare però un veleno che ti erode lentamente…

  13. nadia
    22 giugno 2012 at 14:51

    ho usato la coca x pulire la vaschetta della macchina da caffè incrostata di calcare.è come nuova!!!! fateci caso..quando la bevete,x parecchi secondi avete le papille gustative fuori uso.meglio evitarla.nadia

    • Amos B.
      22 giugno 2012 at 15:16

      Ciao Nadia, benvenuta su Miglioriamoci :-)
      Grazie per la tua testimonianza!

  14. elpayaso
    22 giugno 2012 at 15:16

    Io l’esperimento con le ossa l’ho fatto quando andavo alle superiori. L’abbiamo fatto con un osso di gallina, è stato dentro la coca-cola una settimana ed è uscito uguale ma leggermente scurito. E’ una vaccata.
    Abbiamo provato ad usarla per togliere “leggere” macchie di erba dai pantaloni, anche questa è una vaccata, la macchia è rimasta tranquillamente dov’era.

    • Amos B.
      22 giugno 2012 at 15:21

      Ciao Elpayaso, benvenuto su Miglioriamoci :-)

      Sei già il secondo che segnala questa cosa delle ossa, io non ho svolto il test in prima persona, verificherò!
      In ogni caso vorrei sottolineare che la parte più importante dell’articolo è quella finale ;-)

  15. daniela
    22 giugno 2012 at 16:19

    bevo coca-cola da piu’ di trent’anni, almeno due litri al giorno….al momento nessun problema! grazie comunque per le informazioni

    • Amos B.
      22 giugno 2012 at 17:27

      Ciao Daniela, benvenuta su Miglioriamoci.
      Non è mai troppo tardi per smettere ;-)
      Ti consiglio di leggere anche il commento più sopra di Alice che centra molto bene il punto!

  16. Maurizio
    23 giugno 2012 at 01:08

    Complimenti Amos!
    Una domanda: quali sono i cibi basici, quelli che bilanciano gli acidi?
    Grazie
    Maurizio

    • Amos B.
      23 giugno 2012 at 10:02

      Ciao Maurizio, benvenuto su Miglioriamoci :-)

      Secondo uno dei più grandi esperti di ph, Robert Young http://www.macrolibrarsi.it/autori/_robert-o-young.php?pn=1317 gli alimenti più alcalinizzanti sono:
      cetrioli, avocado, pomodori, spinaci, germogli di legumi e semi, aglio, prezzemolo, cipolla, peperoni, noce di cocco e pompelmo.

      In genere tutte le verdure a foglia verde tendono a basificare ( o alcalinizzare)

  17. 23 giugno 2012 at 10:07

    Ciao,in merito all’ultima parte dell’articolo, vorrei aggiungere che sul banco degli imputati più che la coca cola light o quella zero, c’è soprattutto l’aspartame…
    Studi scientifici, che non sono stati riconosciuti per lievi variazioni nel protocollo seguito, tra l’altro variazioni non influenti sul risultato degli esperimenti… , hanno dimostrato lo stretto collegamento tra problemi neurologici…anche molto gravi e il consumo di una certa quantità di aspartame. Come per tutte le cose…il consumo isolato o infrequente…non fa male.
    Quindi il nemico è l’aspartame, che come è ben noto, troviamo in tantissimi alimenti e bevande, in tutte le bibite light, negli yogurt magri, nei prodotti per diabetici, ma anche nelle gomme da masticare…e anche in alcuni farmaci, ad esempio alcuni sciroppi per la tosse.
    ciao

    • Amos B
      23 giugno 2012 at 10:59

      Ciao Artemisia, benvenuta su Miglioriamoci :-)

      Certo, l’aspartame è un temibile additivo chimico, il peggiore tra gli edulcoranti, presente in quasi tutte le caramelle e chewingum ci “mangia” la salute di giorno in giorno!

      Anche sull’aspartame è possibile trovare un ampio approfondimento qui http://www.ebookdautore.it/inganno-nel-cibo

  18. UNO CHE SA QUELLO CHE DICE
    23 giugno 2012 at 12:11

    ciao a tutti, sono uno studente di medicina, a quanto ho letto penso di saperne un po’ di più di chi ha scritto l’articolo (e di tutti i fenomeni che commentano)…la coca-cola scioglie le ossa? davvero?? se prendete del succo di limone, vedrete che ha gli stessi effetti, se non peggio!!! e allora? demonizziamo i limoni!! loro sì che lavorano dall’interno del nostro organismo per ucciderci!! questa è la vostra logica, fate propri degli argomenti che non vi competono e li esponete in modo tale che l’ignorante di turno vi riconosca come i veri detentori del sapere..vorrei sapere quanti di quelli che pensano di salvarsi la vita non bevendo coca-cola fumano o si drogano..eh? quasi tutti? molto probabilmente a 70 anni avrete un enfisema polmonare o un carcinoma, però siete comunque persone sane ed invidiabili perchè dite no alle multinazionali, perchè credete che l’FBI vi stia spiando!! tornando alle vaccate scritte in questo pseudo-articolo, è roba da denuncia!! voi state diffondendo informazioni assolutamente false, il bello è che lo fate senza rendervene minimamente conto! c’è la gente che inizia a curarsi da sola con le str….ate che scrivete voi e tutti i siti come i vostri!!! dai, su, ho voglia di perdere un po’ di tempo a insegnarvi qualcosa di vero, magari vi tornerá utile…il pH (sì, si scrive così e non ph) dell’organismo è considerato fisiologico nell’intervallo che va da 7,35 a 7,45 (a 7,3, com’è scritto nell’articolo, sei giá in una bella acidosi)…inoltre, non è mai stato dimostrato (da qualcuno sano di mente, ovviamente) che la coca-cola sia causa di osteoporosi, nè tantomeno che sia in grado di sciogliere le ossa di chi la beve (oddio, ancora mi viene da ridere)…l’acidosi, infine, non è il substrato comune a tutte le malattie, provate ad andare in alcalosi metabolica e poi ne riparliamo! sull’aspartame hanno ragione, è sempre meglio utilizzare gli zuccheri semplici piuttosto che queste sostanze parallele, ma da qui a dire che c’è il rischio di malattie neurodegenerative (la cannabis, che usate in tanti, fa molto peggio) ce ne passa….spero abbiate potuto trarre qualcosa di utile da uno che ha studiato e che tratta argomenti che gli competono….grazie per avermi fatto scoprire questo sito, ora avrò qualcosa di cui ridere insieme ai colleghi…arrivederci!

    • Amos B
      23 giugno 2012 at 12:43

      Benvenuto a “uno che sa quello che dice” su Miglioriamoci!

      Innanzitutto non mi piace molto il tuo modo di porti un pò aggressivo direi ma comunque questo è solo un problema mio che ho voluto sottolineare.

      In secondo luogo questo non è un articolo medico, di certo ha le sue piccole incorrettezze come hai sottolineate bene tu a riguardo del valore del pH e del modo di scriverlo.

      Quello che interessa a me è il succo, l’informazione che veicola che ritengo essere valida e ti spiego perchè rispondendo al tuo commento.

      Il fatto che la Coca cola sciolga le ossa è inserito tra i numerosi utilizzi alternativi della stessa, la frase che dice “l’acido fosforico in essa contenuto è in grado di sciogliere il calcio nelle ossa” mi sembra che sia l’imputato principale, ebbene, sono d’accordo che non è esatto quanto scritto, ma offre bene l’idea di quello che succede: nel momento in cui ci alimentiamo accompagnando gli alimenti con Cocacola inseriamo acidofosforico, il quale si lega nell’intestino a calcio e magnesio (il calcio e il magnesio inseriti con gli alimenti appena mangiati assieme alla cocacola) impedendone l’assorbimento e portando il tutto all’esterno attraverso le urine: un qualcosa di piuttosto grave soprattutto nella fase della crescita…
      Queste sono le informazioni che ho io, che ci tengo a sottolineare non sono un medico.

      Se dai uno sguardo a tutti gli articoli del sito (così ridi ancora un poco :-) ) ti accorgerai che il problema che indico non è la cocacola ma un qualcosa di molto più vasto, ti accorgerai che parlo spesso di responsabilità e consapevolezza che sono per me alla base della salute, se non bevi cocacola ma fumi 3 pacchetti al giorno allora è ovvio che non stai agendo con consapevolezza e non stai ricercando la salute…

      Per quel che riguarda l’equilibrio acido/basico l’alimentazione in genere tende ad acidificare, la maggioranza degli alimenti che mangiamo tende ad acidificare, chi più chi meno, per questo è importante inserire alimenti alcalinizzanti ( ovviamente sempre con criterio, mettersi a trangugiare bicarbonato di sodio dalla mattina alla sera non è certo positivo..).
      Entrare in super-acidosi comunque comporta malattie, malattie che possono essere evitate mantenendo il proprio pH a livelli ottimali…

      Spero di aver chiarito meglio il tutto, sono felice di averti fatto divertire un poco, ti auguro una buona giornata.

      P.s.
      La salute è secondo me qualcosa di importante da affrontare nel giusto modo, esistono numerosissime informazioni contrastanti, è davvero difficile trovare la verità, insieme possiamo trovarla, ma si tratta di collaborare e non di combattersi!

      • Amos B
        23 giugno 2012 at 12:59

        Un ultimo appunto sull’aspartame e sulla cannabis: hai mai visto una persona fumarsi una canna dietro l’altra tutto il giorno, in qualunque luogo sia? Io no, invece con l’aspartame questo avviene continuamente, quando incontri una persona mangia una caramella, quando mangia un chewingum, quando beve una cocacola light o qualsiasi altra bevanda light, lo puoi trovare in alcune merendine e molti lo utilizzano per dolcificarsi anche il caffè, mi sembra che l’esposizione sia un poco più intensa rispetto a chi fa uso di mariuana.
        Inoltre chi utilizza mariuana lo fa in modo più o meno consapevole, tutti sanno che in qualche modo almeno un poco fa male, l’aspartame invece è consumato dalle persone in modo completamente inconsapevole per la maggioranza si tratta di un dolcificante che non porta nessun tipo di problema… È qui che nasce l’inganno!

        • UNO CHE SA QUELLO CHE DICE
          23 giugno 2012 at 14:01

          giustissimo quello che dici sull’aspartame, sulla durata dell’esposizione e sul fatto che la gente non sa quello che assume…meno esatto è dire che la gente fa uso di cannabis in modo consapevole…fidati, ne conosco tanta di gente che si è bruciata il cervello facendosi le canne pensando che facesse bene…dicevano “c’è gente che la usa per curarsi”, oppure “io mi faccio i purini di erba, così non fumo tabacco e non mi faccio del male”…questo è veramente triste, convincere la gente a mettere il paraocchi mentre si fa del male….diffondendo notizie false (inconsciamente ovviamente), state ottenendo un effetto opposto a quello prefissato: la gente acquisisce una falsa consapevolezza e perde lo spirito critico su quello che fa, pensando di fare bene…

          • Amos B
            23 giugno 2012 at 14:22

            Non colgo bene il significato di quello che vuoi comunicare… Non capisco come, parlando male del consumo di cocacola si istighi nelle persone un paraocchi teso a non far vedere il male che le persone si fanno… Il tuo ragionamento mi sembra un poco contorto, ma forse sono io che non ci arrivo ;-)

            Per la cronaca, io non fumo mariuana e non ho mai suggerito di farlo…

      • UNO CHE SA QUELLO CHE DICE
        23 giugno 2012 at 13:51

        ciao Amos, capisco che questo non è un articolo medico, ma devi sapere che il Web è frequentato da moltissime persone che capiscono molto poco, credendo che la risposta più facile da capire, quella che più corrisponde al loro modo di pensare, sia quella giusta…inoltre credo che la consapevolezza da te tanto sbandierata sia vera consapevolezza soltanto se costruita su nozioni oggettive e dimostrate…capisco che da profani della scienza medica sia molto difficile capire la gravitá e l’inesattezza di quanto scritto, non potete capire quanto sia complessa la macchina-organismo…è facile premettere “non è un sito medico” per scaricarvi dalle responsabilitá, ma la gente se ne frega e inizia a curarsi da sola!! pensate sia tutto regolato da un effetto diretto delle cose: la coca-cola sgorga i cessi quindi fa male…gli ogm sono artificiali quindi sono cattivi, i farmaci idem, quindi mi curo coi fiori..tutto questo è SBAGLIATO, non parlate di dati contrastanti, di gente che dice tutto e il contrario di tutto…non si può pensare di costruire un’opinione sul nulla!!! il discorso sui cibi acidificanti non ha senso, bere coca-cola non potrá mai e poi mai causare variazioni del pH ematico! se volete continuare a costruire un esercito di presunti scienziati alternativi continuate a scrivere articoli basati sulle ciarlatanerie, sui sostenitori del complottismo, su wikipedia..a proposito…le informazioni che hai tu sono molto simili proprio alle boiate che wikipedia scrive sulla coca-cola (evidenziate peraltro in rosa con tanto di bollino “senza fonte”), prova a leggere un libro di fisiologia digestiva e capirai che non è tutto così semplice…scrivete articoli sui pericoli del fumo, su come eseguire un esame di auto-palpazione della mammella o del testicolo in modo da riconoscere un tumore precocemente, su come godersi la vita senza farsi del male..e soprattutto, fate sottoscrivere i vostri articoli da qualcuno di competente in materia..questa è consapevolezza…

        • Amos B
          23 giugno 2012 at 14:18

          Comunque, per riassumere il tutto, l’articolo comunica qualcosa di molto semplice: la cocacola non fa bene e sarebbe meglio ridurne al minimo il consumo, credo che su questo sarai d’accordo, anche per le problematiche legate all’alto contenuto di zucchero e alla caffeina…
          Detto questo, non bere la cocacola non è un crimine e nessuno, leggendo questo articolo, potrà farsi del male se deciderà come dici di autocurarsi e smetterà quindi di bere la cocacola…

          Questo articolo non propone cure strane, non propone pratiche pericolose, semplicemente sprona a limitare il consumo di una bevanda che non puoi sostenere sia benefica per l’organismo.
          Poi potremmo stare a parlare per ore di pH e di certo ci sono persone molto più preparate di me sull’argomento… La sostanza però non cambia, limitare l’uso di cocacola non può che fare bene!

          Capisco benissimo che da studente di medicina quale sei, tu veda i farmaci come una gran cosa, una delle maggiori conquiste dell’umanità… Ti invito, sei vuoi ad approfondire anche tu per bene le pazze teorie alternative, fallo però non con il solo scopo di smontarle, ma con lo scopo di trovare in esse qualcosa di buono: non posso credere che alla fine di questo processo crederai ancora così profondamente nella medicina moderna…

          Tutto questo discorso ti sembrerà figlio dell’ignoranza, un discorso che solo chi non ha studiato medicina può fare… In realtà esistono numerosi medici che la pensano in questo modo, certo, sono stati tutti espulsi dall’ordine dei medici, ma questo non significa che non abbiano un cervello per pensare…

          Forse non tutta le teorie “alternative” portano la verità con se, ma nemmeno la medicina ufficiale può vantarsi di avere la verità completa in mano!

          Per quel che riguarda gli OGM ti suggerisco, se hai tempo, se ti ritieni una persona che valuta tutti i punti di vista prima di sentenziare, l’ottimo libro di Marie Monique Robin “Il mondo secondo Monsanto” http://www.macrolibrarsi.it/libri/__il-mondo-secondo-monsanto.php?pn=1317

          Le cose sono sempre molto più complicate di quello che appaiono e credo che entrambi abbiamo bisogno di approfondire…

          Poi dubito che ci troveremo mai d’accordo su determinati argomenti, ma mai dire mai!

          Infine se vorrai farmi l’onore di dare uno sguardo a tutti i diversi articoli del blog ( e non solo agli ultimi due/tre) forse ti farai una idea più articolata su di me sul blog Miglioriamoci… Non dico positiva, ma perlomeno articolata ;-)

  19. 23 giugno 2012 at 12:16

    Dubito che pomodori, avocado, spinaci e pompelmo alcalinizzino il sangue. E’ facile confondere il contenuto di acidi e alcali di un alimento con l’ effetto che questo genera nel corpo umano.
    Il pomodoro è corrosivo (sottrae calcio e facilita l’ artrite), e anche gli altri su citati alimenti, per le loro qualità estreme, penso che provochino acidità, piuttosto che alcalinità.

  20. 23 giugno 2012 at 17:26

    Incredibile….addirittura può servire per rivitalizzare vecchie foto….Abbiamo trovato un utilizzo molto utile per Biosbook…!!
    Io già ne bevevo poca; dopo quest’articolo la abbandonerò del tutto…! Grazie, Amos..!

    • Amos B
      23 giugno 2012 at 18:24

      Ciao Fabio :-)

  21. 23 giugno 2012 at 19:02

    Sono esterrefatto dall’ arroganza dimostrata dallo studente di medicina (e meno male che non è ancora medico… ) ancora convinto che le nozioni scolastiche ed astratte insegnate negli atenei sono la quintessenza del sapere, quello oggettivo ed “indiscutibile”, senza tener conto che per elencare tutte le stronzate dette in nome della scienza ci vorrebbe l’ enciclopedie Treccani.
    Per lui tutto ciò che è sapere alternativo è sinonimo di eresia e di informazione “non seria”.
    A persone del genere si può parlare evidentemente solo nel linguaggio che conoscono (quello dell’ “infallibile” scienza), perciò voglio far notare che il Fondo Mondiale per la Ricerca sul Cancro nelle sue raccomandazioni per la prevenzione di questa patologia (e non solo) consiglia fra l’ altro,di EVITARE (non “ridurre”) tutte le bevande industriali ricche di zucchero, e la Coca-Cola ne contiene ben il 30%.
    Perciò, al di là di qualsiasi cavillo che si focalizzi su dettagli analitici (e mai sulla visione d’ insieme), su cosa influenza il pH e se si scrive ph oppure pH (ma che ce ne frega a noi?), questo dovrebbe tagliare la testa al toro: lo zucchero è una delle principali cause di acidità, e l’ acidità danneggia le ossa.
    Questo lo dicono anche molti medici, che per fortuna non seguono la corrente principale oscurantista dei loro colleghi rimasti all’ Età della pietra, perciò gli “alternativi” sono in buona compagnia.

    • UNO CHE SA QUELLO CHE DICE
      23 giugno 2012 at 19:49

      ciao eretico! innanzitutto vorrei sapere cosa intendi per “sapere alternativo”..se con tale termine intendi delle nozioni partorite dalla mente di mentecatti che pensano che il mondo sia una merda per colpa delle multinazionali e del complottismo, sì, la ritengo una cosa poco seria…un’altra cosa…trovami una fonte certa che lo zucchero sia una fonte di aciditá e che questa causi problemi alle ossa…ti pregooooo!!!

      • 24 giugno 2012 at 12:30

        Non ho tempo da perdere con persone interessate solo ad ironizzare e polemizzare, partendo da una loro presunta superiorità culturale. Chi vuol capire capisce…
        Lo sanno anche i muri che lo zucchero (sostanza innaturale per eccellenza) provoca una reazione acida da parte dell’ organismo e che questo ha a che fare con l’ ospeoporosi: lo dicono fior di scienziati, confermando ciò che tutti gli esperti consulenti-insegnanti di macrobiotica ripetono da sempre.
        Se vioi cominciare a capire qualcosa ti consiglio di fare una visitina al mio blog, http://www.ilmioblogolistico.it : potresti trovarci qualche spunto a dir poco interessante.

        • UNO CHE SA QUELLO CHE DICE
          25 giugno 2012 at 22:00

          nessuna ironia, io voglio veramente sapere per quale motivo lo zucchero genera aciditá, dico davvero! vorrei tanto che mi fosse spiegato perchè lo zucchero è la sostanza innaturale per eccellenza, quando se è per merito del glucosio e dell’ossigeno che ancora sei in grado di scrivere sul tuo blog! Presunta superioritá culturale dici? Io non penso di essere superiore a nessuno, ritengo semplicemente che le mie tesi siano comprovate e basate su nozioni OGGETTIVAMENTE valide, mentre le vostre sono basate sul dubbio, sulla miscredenza, sul ”forse”, sul ”sembra che”, sul niente insomma..visto che voglio ”capire veramente”, postami un qualsiasi link di un qualsiasi esponente della mio sapere astratto (ahahaha, da che pulpito!! mi sa che conosci un altro significato della parola ”astratto”) e scolastico, che provi in maniera chiara e inequivocabile che lo zucchero sia innaturale, che causi aciditá e che questa causi l’osteoporosi..ti prego, non è assolutamente ironica la mia richiesta!

          • 26 giugno 2012 at 09:57

            OK, ti risponderò con piacere, ma siccome la spiegazione è piuttosto complessa e ora ho altre incombenze, mi riservo di farlo quanto prima, te lo prometto. A presto, ciao.

  22. 27 giugno 2012 at 22:06

    Ciao “UNO CHE SA QUELLO CHE DICE”,
    anch’io so quello che dico, e non lo dico solo io.
    Quando parlo di conoscenze astratte e scolastiche intendo dire che spesso in campo medico le conoscenze “scientifiche” hanno valenza più teorica che pratica.
    Non è certo questione di rigore scientifico, ma del fatto che, paradossalmente, proprio in questo rigore il metodo scientifico ha il suo tallone d’ Achille. Già, perchè devi sapere che non c’è assolutamente niente di perfetto ed assoluto in questo mondo. NIENTE, neppure la scienza. Questa sì che è certezza al 100%!
    Infatti, secondo la scienza, per giungere a conoscenze sicure ed oggettive si deve procedere semplificando il più possibile gli esperimenti, per evitare interferenze e imprecisioni che potrebbero inficiare l’ interpretazione dei risultati. Ma anche a prescindere da questo, è oggettivamente impossibile tener conto delle infinite variabili ed elementi che possono entrare in gioco in un fenomeno quando non è osservato in laboratorio. Perciò gli scienziati prendono in considerazione solo i punti salienti, escludendo così tutto ciò che non è noto all’ osservazione scientifica, o che ha un’ importanza trascurabile, ma soprattutto tutti quegli elementi che non si prestano ad essere quantificati e valutati oggettivamente. Questo significa in pratica considerare solo ciò che è materiale e misurabile.
    Infatti non è senza motivo che si parla di “metodo riduttivo”, o “riduzionismo”, o anche “meccanicismo”, riferendosi al metodo scientifico, che si contrappone a quello cosiddetto “olistico” (che comprende a sua volta varie scuole di pensiero), in quanto quest’ ultimo si basa su una visione sintetica, e non analitica.
    Un esempio particolarmente emblematico di questa semplificazione è il fatto di equiparare gli organismi viventi a delle macchine, solo perché alcune loro proprietà sono immediatamente riconoscibili come tipiche di congegni meccanici, trascurandone tante altre (di importanza cruciale) a questi non riconducibili.
    Il metodo scientifico è perfetto quando applicato alle scienze esatte, che sono la matematica e la geometria, proprio perché si tratta di scienze astratte, che cioè non hanno a che fare direttamente con oggetti o fenomeni, ma con concetti, idee, simboli, dove il rigore e l’ oggettività hanno senso in quanto i termini in gioco sono ben definiti.
    Ma se persino nella fisica tale metodo ha dimostrato i suoi limiti, quando l’ oggetto di studio è la vita, quella concreta, e non quella descritta sui libri, più spesso di quanto si creda o si sia disposti ad ammettere, questo stesso fa acqua come un colabrodo (anche se gli scienziati non lo riconosceranno mai, almeno pubblicamente). Semplicemente perché tutto ciò che viene normalmente escluso dalle valutazioni scientifiche non significa per questo che non esiste.
    Ho cercato di sintetizzare per quanto possibile un discorso certamente complesso e difficile, tutt’ altro che banale, se consideriamo le grosse di implicazioni che comporta… ma spero almeno di aver dato un’ idea.
    A supporto di tutto ciò mi sembra opportuno farti notare che il fisico nucleare Fritjof Capra, dunque scienziato DOC, molto noto nell’ ambiente “alternativo”, ha scritto una serie di saggi di filosofia della scienza (best seller mondiali), in cui spiega minuziosamente tutti questi concetti, a proposito della crisi universale che sta attraversando l’ umanità e della necessità di superare i limiti del paradigma scientifico, ormai stagnante perché inadeguato alla realtà attuale.
    Ho scritto anch’io diversi articoli su questi aspetti epistemologici su http://www.autodifesalimentare.it/blog, nella serie dedicata alla macrobiotica.
    ( Se li vuoi leggere devi andare sulla colonna destra della home page e cliccare il mio nome che troverai nella lunga lista sotto “Wellness Angels”).
    Venendo allo zucchero, a conferma di quanto detto, la tua ingenua osservazione tradisce in pieno l’ impostazione riduzionistica della scienza, nel chiedermi perché lo zucchero è innaturale, dato che è fondamentale per la vita.
    In base a tale ragionamento si potrebbe allora pensare che mangiare Nutella, oppure una quantità caloricamente equivalente di riso integrale, non faccia alcuna differenza, in quanto entrambi gli alimenti sono ricchi di carboidrati, mentre niente potrebbe essere più lontano dal vero.
    Ma per fortuna per dimostrare che lo zucchero è a pieno titolo da considerare innaturale non c’è bisogno di scomodare chissà quale Premio Nobel della scienza. E’ sufficiente il buonsenso.
    Diventa tutto più plausibile solo se si considera che il nostro organismo, frutto di milioni di anni di evoluzione, fino a tempi alquanto recenti non ha mai assunto carboidrati sotto forma di saccarosio raffinato, cioè qualcosa che non esiste in natura, essendo il prodotto della raffinazione industriale della barbabietola o della canna da zucchero, e non è preparato a gestirlo.
    E infatti le conoscenze più serie ed aggiornate nel campo della scienza della nutrizione indicano nei carboidrati complessi (amidi) contenuti principalmente in cereali integrali e legumi, e al massimo negli zuccheri semplici della frutta, il carburante più adatto per le nostre esigenze fisiologiche.
    Consumare carboidrati nella forma integrata di alimenti naturali (dove la loro concentrazione non raggiunge mai valori spropositati, affiancati come sono da tutta una varietà di altre sostanze che ne favoriscono il metabolismo e ne modulano gli effetti) è infatti cosa ben diversa che assumerli in forma isolata.
    Gli zuccheri usati come dolcificanti, invece, hanno concentrazioni di carboidrati che, come nel caso del comune zucchero bianco, arrivano fin’ anche al 100%, ed hanno caratteristiche fisico-chimiche molto diverse, cosa confermata dai rispettivi indici glicemici e soprattutto dagli indici insulinici.
    L’ acidità che producono è la reazione dell’ organismo ad una condizione squilibrata, che a sua volta utilizza poi i minerali delle ossa come tampone.
    Su questo non c’è alcun dubbio: se cerchi su internet qualsiasi cosa abbia a che fare con zucchero e pH, troverai una quantità enorme di informazioni che in qualche modo lo confermano.
    Di tutte le tabelle che elencano i vari alimenti acidificanti e quelli alcalinizzanti, non ce n’è una che non includa lo zucchero in quelli acidificanti.
    Comunque, per soddisfare la tua specifica richiesta, ti posso fornire le prove “tangibili” di ciò che dico.
    Eccoti dunque le coordinate dei più significativi studi effettuati sull’ argomento. Se conosci l’ inglese, puoi capire già dal titolo di che si tratta:

    “Urinary calcium excretion in human beings”, New England Journal of Medicine, 1979, 301, p. 535-541
    “The influence of refined carbohydrates on urinary calcium excretion”, British Journal of Urology, 1978, 50, p. 459-464
    “Bone mineral density and dietary patterns in older adults: the Framingham osteoporosis study”, American Journal of Clinic Nutrition, 2002, 76, p. 245-252
    “ Urinary calcium and oxalate excretion during oral fructose or glucose load in man”, Hormones Metabolism Research, 1989, 21, p. 96-99.

  23. Maurizio
    3 agosto 2012 at 00:26

    Non per alimentare polemiche, visto l’alto tasso di litigiosità degli ultimi post, pero’ caro Amos, non posso esimermi dal muovere un paio di critiche.
    Molta (troppa) gente è convinta di informarsi meglio sul web che da chi di dovere e prende per oro colato certi titoli strillati o articoli sensazionalisti.
    Tu stesso hai ammesso ( ma solo nei commenti all’articolo!!!) che molti degli usi da te suggeriti andrebbero verificati. Ritengo sia molto grave la cosa. Ha la stessa valenza di scrivere: ” Se vi buttate dal sesto piano di un edificio con una ciambella nelle mutande, non morirete…” E qualche squilibrato che proverà a farlo lo si trova e ai suoi parenti imbufaliti poi risponderei: ” Eh, ma che ne so io, pensavo fosse cosi’, volevo scrivere una cosa provocatoria, ma personalmente non avevo mai provato gli effetti della ciambella!!! ”
    E infine una nota tecnica: il pH della CACCA-cola ( almeno capisci che non sono un sostenitore di quella porcheria) varia fra il 4,5 e il 5, valori misurati diverse volte dal sottoscritto in laboratorio. Se fosse davvero 2,8 credimi, gli effetti deleteri da te citati forse si avvererebbero tutti!!!
    Una cosa è certa, se volevi aumentare la visibilità del tuo sito, ci sei riuscito, ma non mi sembra tu abbia bisogno di simili mezzi. Sembri una persona intelligente che cura un blog degno comunque di interesse e rispetto.
    Cordiali Saluti.
    M.

    • Amos B
      3 agosto 2012 at 09:57

      Ciao Maurizio, benvenuto su miglioriamoci!

      Le critiche se mosse con educazione come hai fatto tu sono sempre ben accette…

      Ti espongo il mio punto di vista:
      La similitudine della ciambella nelle mutande non mi sembra del tutto calzante in quanto gli usi che non ho verificato attentamente, sono usi che non comportano nessun pericolo nel caso non funzionassero, se per esempio provi a sbloccare un bullone utilizzando la cocacola e questo rimane bloccato, semplicemente sei al punto di partenza e puoi provare con qualcos’altro. Nessun danno quindi!
      Per questo non ho ritenuto importante verificare ogni singola informazione che ho scritto sugli usi alternativi della cocacola, semplicemente ho voluto mettere in evidenza i possibili utilizzi alternativi che numerose persone sul web dicono di aver testato.

      Tra l’altro il mio intento non era quello di affermare “siccome va bene per fare tutte queste cose allora è ovvio che non vada bene berla” come mio malgrado tante persone hanno inteso. Una affermazione del genere non è per forza sensata, anche il limone può essere utilizzato per scopi non alimentari ma questo non significa che non vada bene mangiarlo!

      Quindi l’elenco di ciò che si può fare di alternativo con la cocacola l’ho inserito come mera curiosità, non è poi così importante…

      Quello che è importante per me è il seguente messaggio “la cocacola fa male alla salute, è bene limitarne molto il consumo”

      Per quel che riguarda il ph mi riservo di controllarlo in prima persona, sinceramente mi sono fidato delle fonti che ho trovato sul web che in modo piuttosto unanime indicavano un ph del 2,8-3.
      Resta comunque il problema dell’alto contenuto di zucchero e di colorante E150a ( anche se negli ultimi mesi direi che sia stato sostituito dopo una polemica sorta negli USA, ma non ne sono sicuro, per questo non ne ho parlato nell’articolo…)

      Concludendo credo sia importante verificare in modo approfondito tutte quelle informazioni che possono portare danni alle persone che le leggono e le prendono come oro colato, mentre invece ritengo meno importante verificare in modo approfondito se per esempio la cocacola è in grado di rimuovere gli insetti dal parabrezza, in quanto in caso contrario non ci saranno danni per nessuno…

      Ti ringrazio per l’apprezzamento dei contenuti del blog e ti auguro un’ottima giornata :-)

  24. Giacomo
    10 agosto 2012 at 10:37

    diciamo che molte delle cose che la coca-cola fa saranno anche vere ma da qui a comparare il ph della coca-cola a quello della pelle-sange ce ne passa, io non credo che qualcuno si sia iniettato per endovena della coca-cola. teniamo presente che il ph degli acidi dello stomaco è da 1 a 3, quindi mentre digerisci i succhi gastrici ti tolgono il calcio dalle ossa? che non faccia benissimo in grandi quantità si sa (gran parte per le sostanze zuccherine presenti), ma adesso non esageriamo perfavore ;-)

    • Amos B
      10 agosto 2012 at 15:42

      Ciao Giacomo, benvenuto su Miglioriamoci :-)

      Nessuno ha comparato il ph della coca cola con quello della pelle e del sangue, la pelle ha ph 5.5 e il sangue ha un ph intorno a 7.5 niente a che vedere con il ph della cocacola, molto più basso.

      Nessuno si fà cocacola per endovena, ma il semplice bere una bevanda acidificanta contribuisce ad acidificare tutto il corpo. Gli acidi presenti nello stomaco sono prodotti dal corpo e rimangono lì dove sono senza interferire sull’acidità totale dell’organismo, gli alimenti acidificanti invece interferiscono sul ph di tutto l’organismo.

      Te lo puoi dimostrare da solo acquistando una cartina tornasole in farmacia e provando il ph della tua urina la mattino: fallo per due mattine, alla sera mangia le stesse cose, una volta però bevi tanta acqua e l’altra invece bevi tanta cocacola. Noterai che il tuo ph al mattino è più acido nel secondo caso ;-)

  25. Deborah
    10 agosto 2012 at 11:59

    Io adoro la Coca-Cola!!!! Non importa se non è esattamente la bibita più sana del mondo…viviamo una volta sola e bisogna allietare la quotidianità con ciò che ci fa stare bene!!! In fondo qualsiasi cosa, dall’aria che respiriamo, al sole che ci scalda la pelle, nasconde dei rischi…rilassiamoci e godiamoci la vita!!!!

    • Amos B
      10 agosto 2012 at 16:57

      Ciao Deborah benvenuta su Miglioriamoci :-)

      Un conto è rilassarsi e godersi la vita ( e su questo sono completamente d’accordo), un altro conto è lasciarsi ingannare ogni giorno da chi vuole solo lucrare sulla nostra ignoranza infischiandosene della nostra salute…

      Capiamoci non voglio demonizzare nessun prodotto tantomeno la cocacola, ognuno è libero di fare ciò che ritiene sia meglio per la propria vita, l’importante è farlo con Consapevolezza e Responsabilità!

  26. daniela
    11 agosto 2012 at 15:46

    Il papà del mio compagno, che era medico, ai suoi bimbi ne dava un sorsino una volta tanto per “pulire” l’intestino. Ma proprio una volta tanto….

  27. Amos B
    12 agosto 2012 at 10:32

    Ciao Daniela, benvenuta su Miglioriamoci :-)

    È un ulteriore uso che a volte viene fatto della cocacola… Questo però non significa che chi beve tanta cocacola ha l’intestino pulito. Tra l’altro la cocacola è nata come medicinale, poi dato lo scarso effetto come tale ma il buon sapore, è stata trasformata in una bibita…

  28. Francesca
    6 settembre 2012 at 10:23

    Forte , non sapevo che può servire per rivitalizzare vecchie foto ,
    per pulire le padelle bruciate .
    Addirittura per far brillare l’alluminio ; lo dirò a mio padre .

    • Amos B
      6 settembre 2012 at 10:39

      Ciao Francesca, benvenuta su Miglioriamoci :-)

  29. Monica
    25 ottobre 2012 at 12:11

    Le reazioni aggressive denotano sempre un problema di insicurezza, evidentemente è difficile ammettere la propria ignoranza dopo anni che si leggono libri, che si rivelano poi inutili …
    come si fa a promuovere la coca-cola come alimento, o bevanda ?
    anche ammesso possa piacere il gusto (certo, è stato ben studiato in laboratorio perché piaccia a molti, e anche perché dia assuefazione …) uno poi razionalmente dovrebbe ammettere che non è certo sana …
    e come si fa poi a darla ai bambini a partire da 2 anni ??
    anche se fosse soltanto acqua e zucchero sarebbe nociva (vogliamo parlarne di questo non-alimento che ancora si mette sui
    ciucci dei neonati e si continua a somministrare in tanti cibi e bevande ? x info : http://www.naturopatia.it/Tesi/Pdf/1026.doc), invece c’è ben altro …
    leggete qua …
    La ricetta segreta della Coca Cola non è più segreta, a quanto pare. Nascosta per 125 anni, è stata pubblicata in questi giorni da This American Life che è venuto in possesso della fotografia della pagina del ricettario in cui era scritta.
    La storia inizia con John Pemberton (come sapete dallo spot in onda per ora in TV), un veterano della Guerra Civile, cui è attribuita l’invenzione della bevanda dolce più famosa al mondo. La ricetta originale era scritta in un libro di ricette che conteneva le formule per la preparazione di unguenti e medicine tramandate di generazione in generazione.
    Una fotografia della pagina che riportava la ricetta della bevanda fu scattata il 18 febbraio del 1979 ed è venuta alla luce solo di recente quando Ira Glass di This American Life vi si è imbattuta. La Glass ha trovato altre due persone che hanno dichiarato di avere scoperto la ricetta originale della Coca Cola e anche se non coincidono perfettamente, erano talmente tanto simili che la Glass ha concluso che si trattava veramente della ricetta originale. Eccola:
    • Fluido di estratto di foglia di coca: 3 drams USP (che dovrebbe corrispondere a 3 bicchierini)
    • Ácido Citrico: 85 grammi
    • Caffeina: 28 grammi
    • Zucchero: 30 grammi
    • Acqua: 9 litri
    • Succo di lime: 1 litro
    • Vaniglia: 28 grammi
    • Caramello: 42 grammi o più per ottenere più colore
    L’ingrediente segreto 7X (usare 57 grammi di aromatizzante per preparare 19 litri di sciroppo):
    • Alcool: 227 grammi
    • Olio di arancia: 20 grammi
    • Olio di noce moscata: 10 gocce
    • Coriandolo: 5 gocce
    • Neroli (un olio essenziale vegetale prodotto per distillazione dei fiori di arancio amaro, ndr): 10 gocce
    • Cannella: 10 gocce
    Prima che corriate, lista alla mano, al supermercato per acquistare tutti gli ingredienti e cimentarvi nella preparazione della vostra Coca Cola home made, c’è una cosa che dovete sapere.
    Non troverete l’estratto di foglie di coca. Pare che l’azienda sia l’unica al mondo, autorizzata dalla DEA, l’ente che si occupa della lotta alla droga, a potere coltivare, trattare e commercializzare questo prodotto. (c.c.)
    [Fonte: Gizmodo USA]

    a proposito dei misteriori “estratti vegetali” tra gli ingredienti dichiarati sulla lattina, vogliamo ancora negare ?

    poi, perché comprarla anche per le pulizie (visto che è altamente corrosiva), quando si possono utilizzare cose più naturali ? http://www.greenme.it/approfondire/guide/1959-detersivi-fai-da-te-la-guida-alle-pulizie-ecologiche-e-convenienti
    http://www.greenme.it/consumare/detergenza/4863-bicarbonato-di-sodio-usi

    alcuni la bevono “per digerire” (dopo aver mangiato chissà cosa …), ma il bicarbonato no ? troppo sano … a proposito di pH
    (http://www.laleva.org/it/2012/05/bicarbonato_di_sodio_e_il_cancro_-_al_via_la_sperimentazione_in_arizona.html)

    • Amos B
      25 ottobre 2012 at 16:15

      Ciao Monica, benvenuta su Miglioriamoci e grazie per la tua ottima integrazione :-)

  30. katia
    15 novembre 2012 at 16:14

    Premetto che non mi piace la coca-cola ma l’unica volta che il mio corpo l’ha richiesta e’ stato quando ero incinta….. la mia ginecologa mi ha dato conferma e detto che la consigliano perche’ impedisce le nausee mattutidine della gravidanza…. infatti mai avuto una nausea in quel periodo… dopo il 5* mese ho rismesso di berla.

  31. mars
    13 giugno 2013 at 08:17

    Non voglio difendere la coca cola, ma vorrei farti notare che anche l’aceto di vino, il limone, il bicarbonato e tanti altri alimenti possono essere utilizzati per le cose che descrivi sopra, eppure li assumiamo senza nessun danno.
    questo per dire che l’elenco di utilizzi alternativi della coca cola non sono indicativi di quanto sia tossica.
    ciao

    • Amos B.
      13 giugno 2013 at 08:26

      Ciao Mars, benvenuto su Miglioriamoci :-)

      Hai ragione: in effetti gli usi alternativi della cocacola sono stati elencati come curiosità, non necessariamente come un motivo per cui evitarla..

      I motivi per cui evitarla sono altri, li trovi a fondo articolo e nei vari commenti qui sopra ;-)

  32. sere
    23 agosto 2013 at 12:24

    L’acido fosforico contenuto nella coca-cola e contenuto (ovviamente in maggior proporzione) nel potente “mangia ruggine” della Ferox!!!

    • Amos B.
      23 agosto 2013 at 14:01

      Ciao Sere, grazie per questa tua integrazione :-)

SCRIVI qui il tuo commento! Non lo hai mai fatto? Un mio piccolo omaggio è pronto per te! lo riceverai sulla tua mail dopo aver inserito il tuo primo commento :-)

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *