pasta normaleMi è capitato spesso di sentire dire “Io mangio solo la pasta normale…
Ma cosa significa pasta normale?

Per la maggioranza delle persone la pasta normale è la pasta di frumento bianca (non integrale)…

Ma c’è qualcosa di contorto e alterato in questo pensiero!

Fino a poco più di 80 anni fà la pasta normale era quella integrale: quella bianca non esisteva!!
Poi con l’evoluzione dell’industria si è cominciato a commercializzare la pasta bianca che tutti oggi conoscono e indicano come “normale”

Ma se chiamiamo la pasta bianca “pasta normale” come dovremmo chiamare la pasta integrale (che era la “pasta normale” fino a 80 anni fa..)?
Forse “pasta anomala”? o “pasta strana”?

SEGUICI SU FACEBOOK ;-)

La verità è che è molto più “normale” la pasta integrale che la pasta bianca…

Ti faccio una domanda: è più normale mangiare un alimento sano o un alimento pericoloso per la salute?
Nella risposta a questa domanda si posiziona anche la differenza tra pasta integrale e pasta bianca: il primo è un alimento abbastanza sano, il secondo può essere dannoso per la tua salute…

Piadina-DaysNon esiste una pasta normale e una pasta “anormale” o “strana” esistono solo delle abitudini, degli alimenti sani e degli alimenti dannosi!

Ti sembra sensato continuare a considerare “normale” un alimento dannoso per la tua salute rifiutando un alimento del tutto simile a livello di sapore (anzi migliore) ma più sano?

Spesso si cade vittima di abitudini limitanti che ci impediscono di evolvere e migliorare le nostre condizioni di vita.
Se ancora non lo hai fatto inizia ad aprire la tua mente, concediti la possibilità di smettere di indicare la pasta bianca come la pasta normale e insostituibile, concediti di provare una soluzione diversa, migliore, che fino a poco più di 80 anni fa era la norma per tutti 😉

Niente è “normale”di per sé lo diventa a causa delle nostre abitudini e della nostra incapacità di vedere oltre la nostra limitatezza!

 

Banner orizzontale 3

>>> Inizia OGGI a a Difendere Consapevolmente la tua Salute, comincia da qui: www.Cibidaevitare.it