Tè bancha, usi e proprietà

DIFENDI LA TUA SALUTE

Accedi al Corso Gratuito in 5 lezioni che ti svelerà:

  Il segreto più nascosto dalle multinazionali alimentari
  Tutta la verità sugli additivi alimentari
  I 3 errori più comuni sul mangiare sano e come non commetterli più!
Accedi con Facebook
Oppure inserisci qui la tua mail:

tè bancha usi e proprietàIn Giappone, dove esiste una lunghissima tradizione che riguarda l’uso del tè, il tè bancha viene considerato un tè comune,ordinario, un tè da bere tutti i giorni, molto meno raffinato di un altro tè molto utilizzato: il tè sencha.

In realtà il bancha, che è utilizzato moltissimo da chi segue l’alimentazione macrobiotica, è un ottimo tè ricco di antiossidanti, ferro, calcio e vitA.
Ottimo alcalinizzante del sangue (regola il ph), è diuretico, ipoglicemizzante e depurativo del sangue.

Inoltre essendo praticamente privo di teina (ne ha un contenuto bassissimo) può essere utilizzato anche dai bambini o da chi non può assumere sostanze eccitanti. Molto indicato per chi ha problemi di anemia.

Ci sono due tipi di tè bancha:

  • Tè verde bancha hojicha, ricavato dalle foglie grandi, è l’ultimo raccolto di tè dell’anno, dal colore bruno ottenuto con un processo di tostatura. Ha un sapore leggero che ricorda vagamente il gusto della nocciola. Ha pochissima teina.
     
  • Tè verde Bancha kukicha (il più indicato da usare come curativo), tè verde ottenuto dalla spuntatura dei rametti della pianta vecchia di almeno tre anni, che vengono poi tostati. Ha sapore di nocciola.
    Va fatto bollire per alcuni minuti e può essere riutilizzato per 2/3 volte. Anche questo ha un bassissimo contenuto di teina.

Come utilizzare il Tè Bancha:

Mettere in una pentola un litro d’acqua, portare a bollore, aggiungere un cucchiaio da tavola raso di tè, lasciar bollire per circa 10 minuti.
Spegnere il fuoco e dopo 10/15 minuti filtrarlo. Da bere lungo tutta la giornata.
È buono anche da bere durante il pasto.
Il giorno dopo puoi utilizzare gli stessi rametti facendoli bollire qualche minuto in più.

Meglio utilizzare il tè sfuso piuttosto che quello in filtri.

Naturalmente va bevuto senza zucchero.


DIFENDI LA TUA SALUTE


"Scopri l'amara verità sul cibo che mangi ogni giorno"

Ecco come riconoscere il cibo sano e non cadere nelle trappole tese dalle multinazionali alimentari


Accedi con Facebook
Oppure inserisci la tua email per accedere gratuitamente al mio corso privato in 5 lezioni!


 

Ecco due semplici ricette con il tè bancha Kukicha

Kukicha con aggiunta di shoyu (salsa di soia) : bevanda utile nei casi di stanchezza, mancanza di energia, stanchezza mentale. 
In una tazza metti un cucchiaio da tè di shoyu, versarci sopra una tazza di tè bollente e bevilo caldo.

Kukicha con aggiunta di umeboshi (prugna utilizzata in macrobiotica): utile per problemi digestivi, gonfiore intestinale e come aiuto per l’attività del fegato.
Prendi una tazza di tè bancha e fallo bollire per 4/5 minuti con l’aggiunta di una umeboshi. Bevilo caldo.

 

Buon Tè bancha a tutti :-)

Nessun articolo correlato trovato

  42 comments for “Tè bancha, usi e proprietà

  1. 6 febbraio 2012 at 10:29

    Corro a comprarlo… ;)

    • Amos B.
      6 febbraio 2012 at 14:28

      Attenta a non scivolare :-) (c’è ancora la neve lì a Roma giusto?)

  2. Matteo
    7 febbraio 2012 at 12:11

    Grande Amos, giro subito il link alla mia ragazza, lei ha qualche problema con la teina e beve solo alcuni infusi.

    • Amos B.
      7 febbraio 2012 at 14:25

      Felice di esserti stato utile :-)

    • modesta
      26 ottobre 2013 at 22:04

      Proprio oggi ho acquistato il te bancha in un punto macrobiotico perché mi hanno detto che ha molte proprietà

  3. Francesca
    12 febbraio 2012 at 08:15

    Io adoro il Tè ma ho sempre pensato di non poterne bere tanto perché sono anemica. Grazie per il suggerimento, mi è stato molto utile.

    • Amos B.
      12 febbraio 2012 at 08:45

      Ciao Francesca, è sempre bello quando i nostri suggerimenti risultano così utili, grazie a te per l’apprezzamento :-)

  4. Emma
    29 febbraio 2012 at 15:30

    informazioni davvero utili, articolo ben fatto!

    complimenti

    • Amos B.
      29 febbraio 2012 at 19:01

      Grazie Emma :-)

  5. viky
    10 aprile 2012 at 08:38

    mi sento molto bene bevendo tè bancha, ho risolto problemi di stitichezza ed altro….

    • Amos B.
      10 aprile 2012 at 08:52

      Ciao Viky, grazie per il tuo contributo :-)

  6. Rosi Sorce
    1 maggio 2012 at 09:02

    non ho mai provato questo tipo di te xkè non ne conoscevo l’esistenza , ma andrò a fornirmi di questa bevanda al più presto dopo che ho letto i tuoi consigli e le tue ricette varie . Userò questa bevanda x tutta la mia famiglia , grazie dei suggerimenti .

    • Amos B.
      1 maggio 2012 at 14:39

      Ciao Rosi, benvenuta su Miglioriamoci :-)

  7. Luca
    5 maggio 2012 at 10:51

    Ottimo consiglio Amos! Ho sempre bevuto tanto tè nero ma mi sa che tutta sta teina si può anche evitare!! :-)
    Grazie

  8. Amos B.
    5 maggio 2012 at 11:29

    Ciao Luca, benvenuto su Miglioriamoci e grazie :-)

  9. jas
    14 maggio 2012 at 13:05

    Mi è stato consigliato questo tè ma nn conoscevo i benefici…grazie :-)

    • Amos B.
      17 maggio 2012 at 08:46

      Ciao Jas, benvenuto ( o benvenuta :-) ) su Miglioriamoci!

      • antonio frascogna. THE CROW
        15 ottobre 2013 at 02:40

        Amos, manco avevo letto la MAIL , è perchè ho una chiavetta a contratto più economico…la linea mi prenda quando gli fa comodo..e così scrivo….per esattezza ho la wuind, è lunica in mia zona che va un po meglio…si potrei potenziare, e poi sono più soggetto ad onde.., Ma non è che sono contro la tecnologia..le cose servono a chi servono veramente..c’è sempre pronto qualcuno che dice: sei all’età della pietra…facciamo come il mangiara: èè!, e non c’è tempo, e se volessimo pensare a questo?, non mangiamo più…danno tutto per scontato. Quà si entra anche in contraddizione con B. Grillo QUANDO SPACCA un PC in dimostrazione ,subentrando subito la critica : e però grillo è sui (blog) ..Ma è normale che egli si riferiva a coloro che lo usano così ,tanto per perdere tempo..A me principalmete lo accendo solo per cose necessarie..quindi posso anche attendere…curiosità: cosa ci fà un ragazzino in una sala da giochi? o meglio punto SNAI ecc. stanno raddoppiando come le farmacie ecc. in tutta italia…era una battuta..Cosa ci fa un ragazzino con un telefonino da 700€?, avrà dovuto lavorare tanto..,con la preccupazione di rottura, smarrire, furto, ed in c’èrti casi leggo spesso: è stato accoltellato..mah! puodarsi che ci sia qualche ragazzino che davvero gli serve..IL mio è un SIEMENS 30€ 15 anni ,ancora funziona….manco più i ricambi, (fallita) comunque, in 15 anni avrei potuto risparmiare una cosa, diciamo 5000 cinquemila € ,? ed in questi tempi…Lasciamo questo discorso..chi vuole capire si sfforzi di capire…AMOS volevo dirti: leggo sul blog AFFARITALIA , la polenta porta al cancro, per fumonisine ..e PORDENONE ne è il terzo in EUROPA ,non penso che sia solo quella la causa…e se lo è.

        • Amos B.
          15 ottobre 2013 at 10:34

          Ciao Antonio, ho letto l’articolo di cui parli…
          Come al solito in questi campi regna una grande confusione e diventa molto difficile capire cosa è veramente pericoloso e cosa no.
          Può essere che la sostanza indicata sia davvero pericolosa, ma sono convinto che sia molto meno pericolosa di altre molecole inserite dall’industria alimentare e accettate in via ufficiale come innocque…

          Spesso, allargando la ricerca, si può scoprire che all’interno dello stesso prodotto naturale può essere presente una sostanza pericolosa e allo stesso tempo una sostanza che annulla la pericolosità della prima… Si tratta di prendere sempre in esame l’insieme e non il particolare.

          Tuttavia, detto questo, non è sbagliato limitare il consumo di polenta a titolo preventivo…

  10. debora
    29 agosto 2012 at 14:13

    Grazie per le preziose info, anch’io sono una assidua consumatrice di te verde, soprattutto oolong e gunpowder.. Ma il bancha ha davvero tutte queste proprietà? E non va infuso a 90 C max come tutti i verdi? La bollitura non l’avevo proprio mai sentita.. Grazie, ciao a tutti.

  11. 29 agosto 2012 at 18:15

    Ciao, oolong e gundpower sono tè verdi non tostati ,il bancha invece è un tipo di tè che viente tostato e la bollitura ne esalta il sapore.In Cina ogni famiglia ha la propria ricetta per preparare questo tè…buona serata,anna

  12. Andrea
    30 agosto 2012 at 10:11

    Io lo uso addirittura per dormire, almeno su di me ha un effetto rilassante senza controindicazioni, non so se si tratta di una proprietà di questo tipo di te.

  13. 30 agosto 2012 at 11:44

    ciao andrea,il bancha è praticamente privo di teina,secondo me bere una tisana calda in modo particolare alla sera,ha sempre un effetto rilassante….Anna

  14. RottenRaindrops
    26 novembre 2012 at 13:37

    O.o ma dove lo posso trovare?

  15. 26 novembre 2012 at 17:13

    ciao,lo trovi nelle erboristerie ben fornite…Anna

  16. lydia mancinelli
    9 maggio 2013 at 13:37

    bevo abitualmente sia le foglie che i rametti bancha. le foglie le faccio infondere per 2 volte. sbaglio? continua a essere buono comunque. grazie dei consigli. lydia mancinelli

  17. 9 maggio 2013 at 16:57

    Buonasera Lydia,il bancha può essere utilizzato anche pere tre volte,saluti.Anna

    • Lydia
      14 maggio 2013 at 10:11

      gentile anna, grazie per a risposta. vorrei specificare che per quanto riguarda ilbancha in rametti sapevo che po. lydia m.lydiateva essere bollito 3 volte. ma se lo uso in foglie il bancha e’ buono in infusione per 3 volte? grazie se vorrai precisare. saluti

  18. 14 maggio 2013 at 11:08

    Ciao lydia,io mi riferisco al Kukicha ,cioè ai rametti,che è il tipo di bancha più indicato a scopo curativo.Per quello che riguarda le foglie,andrebbero usate una volta sola,ma so di parecchi macrobiotici che le usano anche tre volte….saluti,Anna

    si distingue in due varietà: HOJICHA, composto dalle foglie più grosse dell’arbusto, con pochissima teina e KUKICHA, costituito dai rametti della pianta, praticamente privo di teina, è quest’ultimo il più indicato per uso curativo.

  19. marianna
    14 ottobre 2013 at 00:24

    non l’ho mai provato… ma leggendo questo articolo mi è venuta la voglia di provarlo… sia da bere alla sera sia durante il giorno oltre alla solita acqua!!!! grazie milleeeee :)

  20. elide
    14 ottobre 2013 at 10:58

    lo uso da tanto tempo, lo compero al punto macrobiotico.Sono diabetica, dove lo acquisto non mi sanno dire se ha proprietà benefiche per questa malattia .
    Mi sai dire qualcosa te? Grazie , ciao.

  21. anna
    14 ottobre 2013 at 17:46

    Buonasera Elide,tutti i tè verdi hanno la caratteristica di depurare il sangue e di favorire l’abbassamento della glicemia nel sangue,queste proprietà sono più spiccate nel tè verde perchè è più ricco di EGCg. Il tè bancha va comunque benissimo,continui ad usarlo perchè controlla il ph dell’organismo, cosa molto importante per i diabetici.Saluti,Anna

  22. elide
    15 ottobre 2013 at 07:55

    Grazie ANNA, te ne sono molto grata. Tanti cari saluti . Elide.

  23. Sofia
    4 dicembre 2013 at 13:56

    Sulla busta di quello che ho acquistato io c’è scritto di lasciarlo in infusione 1 minuto con l’acqua a 85 gradi… E’ normale? Io stamattina l’ho lasciato per sbaglio 2 minuti e poco fa mi son sentita quasi svenire! Possibile perché abbassa la pressione ed è ipoglicemizzante e io l’ho preso al mattino quando gli zuccheri nel sangue sono bassissimi?? Strano perché ci ho mangiato insieme dei biscotti…

    • Anna Bononcini
      5 dicembre 2013 at 08:39

      Buonasera Sofia, è la prima volta che sento di questo effetto,che tipo di bancha ha preso? in filtro o sfuso? Anna

  24. franca marina
    16 gennaio 2014 at 14:42

    grazie dei preziosissimi consigli!io ho comperato il tè bancha su internet da il colonialema non c’è scritto che tipo è ,solo tè bancha,tè verde,giappone! essendo diabetica tipo 2 non insulinica lo posso bere tranquillamente?sinceri saluti a tutti voi ….franca marina

    • anna
      17 gennaio 2014 at 09:59

      Buongiorno franca,il bancha da utilizzare è quello in rametti di colore marrone ,il colore è dato dalla fermentazione,se è quello verde non è fermentato,ma può assumerlo ugualmente.Saluti.Anna

  25. paola
    17 gennaio 2014 at 23:54

    dove trovo il the bancha vicino a merate lc ? c’e qualche marca migliore? grazie

  26. anna
    20 gennaio 2014 at 08:07

    Buongiorno Paola, qui da noi si trova in tutte le erboristerie,l’importante è che sia biologico,
    Anna

  27. Virgy
    25 marzo 2014 at 17:52

    Ciao, ho conosciuto il thè bancha al ristorante macrobiotico, servito tiepido e bevuto al posto dell’acqua è piacevole.

  28. anna maria
    21 aprile 2014 at 11:37

    Buongiorno,
    vorrei anch’io prendere il thè bancha in rametti e chiederle se ci sarebbero controindicazione x chi soffre di ipotiroidismo e pressione alta. Grazie

  29. anna
    22 aprile 2014 at 15:45

    Buongiorno anna maria, il tèp bancha contiene pochissima teina,quindi può essere utilizzato. Saluti,Anna

SCRIVI qui il tuo commento! Non lo hai mai fatto? Un mio piccolo omaggio è pronto per te! lo riceverai sulla tua mail dopo aver inserito il tuo primo commento :-)

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *